La viaggiatrice di O – [Elena Cabiati]

La viaggiatrice di O

Trama: La piccola mansarda nel centro di Torino è il suo regno, il suo rifugio, il luogo dov’è più vivo il ricordo dei genitori, banditi dal mondo di O proprio a causa sua. Perché Gala è destinata a diventare una delle streghe più potenti vissute da almeno due millenni ed è al centro di una lotta segreta tra la magia bianca e la magia nera. Lei infatti è in grado di volare, viaggiare nel tempo, trasformarsi, prevedere il futuro? insomma, grazie ai suoi poteri, può affrontare qualsiasi missione le venga affidata dalla sede del Direttivo dei Viaggianti. Come tutti i «ragazzi prodigio», tuttavia, Gala è allergica alle regole e ha sempre fatto di testa sua. Ma l’ultima volta l’ha combinata davvero grossa e, per evitare l’espulsione definitiva dall’Ordine dei Viaggianti, ora deve scegliere un tutor che la guidi e le insegni a usare correttamente la magia. Il burbero e severo Kundo diventa così il suo fido maestro e la accompagna in una nuova missione: recarsi nella Venezia del 1756 per salvare un preziosissimo manoscritto dall’incendio che distruggerà la Scuola Grande di San Rocco. Un compito piuttosto semplice, per una come Gala. Ma, ben presto, Kundo intuisce che c’è qualcosa che non va: le persone che dovrebbero essere loro alleate si rifiutano di aiutarli e la città è infestata di negromanti. Inoltre gli adepti della magia nera sembrano molto più interessati a Gala e al mistero della sua nascita che all’enigmatico libro magico?

Prima impressione sul libro: i personaggi non sono il massimo.
Galatea, la protagonista, incarna la classica ragazzina saccente, che a causa di una qualità particolare che la distingue dagli altri, pensa di essere superiore a tutti. Purtroppo questo suo difetto condiziona pesantemente le sue azioni e chi dovrebbe guidarla ed istruirla non sembra intenzionato a porre un freno alla situazione, se non con saltuarie ramanzine.
Kundo, il cui nome sembra stonare lievemente con l’ambientazione tutta italiana, non presenta caratteristiche particolari. Essendo però coinvolto in eventi passati che influenzano tutt’ora il presente, diventerà sempre più la guida di cui Gala ha bisogno. Al momento però in questo primo volume non riesce ad impattare con un ruolo decisivo nella storia.

Il mondo descritto invece presenta tratti incredibili: ambientato nella Torino dei giorni nostri, guida il lettore in un viaggio a ritroso nel tempo fino a Venezia, dove si incentra la missione principale affidata a Galatea.
L’atmosfera del passato è caratterizzata non tanto dalla descrizione degli ambienti, quanto dai vestiti e dagli atteggiamenti dei vari personaggi.
L’universo magico è tratteggiato secondo la classica distinzione buoni/cattivi, dove però esistono diverse sfumature. Fino all’ultima pagina il lettore è in dubbio su chi fidarsi e a chi credere, in quanto nei diversi incontri di Galatea la prima impressione potrà essere ribaltata.

La speranza è che nel seguito la tensione costruita fin qui rimanga alta e che alcuni dei nuovi personaggi incontrati siano coinvolti maggiormente nelle vicende di Galatea.

Consigliato a: chi sogna una magica avventura ambientata in Italia.

Voto:

Titolo: La viaggiatrice di O
Autore: Elena Cabiati
Editore: Editrice Nord
ISBN: 8842918628, 9788842918622
Lunghezza: 250 pagine

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...