Alice in Zombieland – [Gena Showalter]

Alice in Zombieland

Trama: Non avrò pace finché non avrò rispedito nella tomba tutti i morti che camminano. Per sempre.
Se qualcuno mi avesse detto che la mia vita sarebbe cambiata in un momento, sarei scoppiata a ridere. E invece è proprio quello che è accaduto. Un attimo, un secondo, il tempo di un respiro, e tutto ciò che amavo è sparito. Mi chiamo Alice Bell, e la notte del mio sedicesimo compleanno ho perso la madre che adoravo, la mia sorellina e il padre che non ho mai capito finché non è stato troppo tardi. Quella notte ho scoperto che lui aveva ragione: i mostri esistono veramente. Gli zombie mi hanno portato via tutto. E adesso non mi resta che la vendetta…
Per realizzare i suoi propositi, Alice dovrà imparare a combattere contro i non-morti e fidarsi del peggiore dei cattivi ragazzi della scuola, Cole Holland. Ma lui nasconde dei segreti. E quei segreti potrebbero rivelarsi persino più pericolosi degli zombie.

L’idea di partenza è molto carina: un padre in apparenza strampalato, che si rivela in realtà molto più sano di mente di quanto possa apparire, e una figlia che tentenna tra le difficoltà di essere adolescente e una tragedia che le sconvolge la vita.

Alice é una ragazza che in apparenza non sembra molto forte, neanche lei riesce a credere di poter superare la serie sempre crescente di difficoltà che incontra. Invece scopre pian piano alcune doti che la aiuteranno sia nella vita di tutti i giorni, sia nelle sue nuove vesti da cacciatrice di zombie. L’amore improvviso e un po’ folle con Cole riesce a tirare fuori il suo lato allegro, anche se una vera e propria spensieratezza è raggiunta solo con la sua nuova amica. Il rapporto con le figure adulte si rivela problematico, visti anche i precedenti con il padre, e non migliora con i nuovi personaggi che incontra.

L’aspetto innovativo è sicuramente rappresentato dagli zombie, che in apparenza sembrano figure reali. L’autrice li descrive come l’incarnazione del male, in grado di annientare in essere umano in pochi minuti tra infinite sofferenze. Ciò che colpisce è la mancanza di veri strumenti per combatterli, rendendo molto difficoltoso e pericoloso il lavoro di chi si impegna a fermarli. Gli zombie tra l’altro non sono gli unici cattivi presenti, poiché Alice dovrà fare attenzione anche a nemici che non si nascondono ed escono solo durante la notte. Per questo saranno molto più infidi e il lettore sarà sorpreso più volte durante il corso della storia.

L’unica nota negativa è data dalla sorella di Alice, un personaggio allegro e affascinante, che è relegato a un ruolo strampalato di secondo piano. Le sue entrate in scena sembrano un po’ forzate, quasi a smorzare la tensione e a far apparire più dolce la protagonista. Un vero peccato per questa ragazzina piena di vitalità!

Di sicuro merita di essere letto, anche perché la conclusione può farlo sembrare un libro a se stante, non il primo di una nuova serie.

Consigliato a: chi desidera una versione alternativa sugli zombie.

Voto:

Titolo: Alice in Zombieland
Autore: Gena Showalter
Serie: White Rabbit Chronicles [1]
Editore: Mondadori
ISBN: 8858907612, 9788858907610
Lunghezza: 435 pagine

Alice in Zombieland

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...