Il mio nome è Nessuno: Il ritorno – [Valerio Massimo Manfredi]

Il mio nome è Nessuno: Il ritorno

Trama: Ci sono voluti dieci anni ininterrotti di guerra e di sangue, di amori feroci e di odio inestinguibile, per sconfiggere i Troiani. Ora Odysseo deve rimettersi in viaggio con i suoi uomini per fare ritorno a Itaca, dove lo attendono la moglie fedele, il figlio lasciato bambino, la ricompensa per tante sofferenze solida, grande e desiderata quanto il letto nuziale intagliato nel tronco d’ulivo.
Ma il nòstos, il ritorno, è una nuova avventura: Odysseo deve riprendere la lotta, la sua sfida agli uomini, alle forze oscure della natura, al capriccioso e imperscrutabile volere degli dei. Vano è disporre gli animi alla gioia del ritorno: l’eroe e i suoi compagni dovranno affrontare imprese spaventose, prove sovrumane, nemici insidiosissimi come il ciclope Polifemo, i mangiatori di loto – il fiore che dà l’oblio – e poi la maga incantatrice che trasforma gli uomini in porci, i mostri dello Stretto, le Sirene dal canto meraviglioso e assassino… Il multiforme Odysseo, il coraggioso Ulisse, l’astuto Nessuno dovrà raggiungere i confini del mondo e addirittura evocare i morti dagli inferi, sperimentando lo struggimento più immedicabile al cospetto di chi ormai vive nel mondo delle ombre, e ancora finire su un’isola misteriosa dove una dea lo accoglierà e lo terrà avvinto in un abbraccio dolcissimo e pericoloso per lunghi anni…
Poi, finalmente, con il cuore colmo di dolore per i compagni perduti lungo la rotta, ecco compiersi il ritorno. Il giorno dell’esultanza.
Il giorno della vendetta.
Dopo aver cantato la nascita e la formazione dell’eroe e la guerra sotto le alte mura di Pergamo, Valerio Massimo Manfredi dà voce nuova e potentissima al viaggio più straordinario di tutti i tempi: quello che sta all’origine di ogni narrazione dall’antichità a oggi, quello che da Dante a Joyce fino a noi colma di trepidazione tutti coloro che l’ascoltano.
Il viaggio dell’ardimento e della conoscenza, il viaggio della perdizione e dell’amore, il viaggio di un eroe umanissimo e immortale.
Tanto che Manfredi osa guardare verso l’orizzonte su cui i più grandi poeti si sono interrogati nei secoli: quello dell’Ultimo Viaggio di Odysseo. È mai davvero morto il re di Itaca, il figlio di Laerte, l’eroe vagabondo?


Dopo aver combattuto a Troia e aver perso molti compagni, inizia il vero viaggio di Ulisse verso casa. Non è più il ragazzino che con la sua parlantina è stato in grado di risolvere conflitti, ora è un uomo che ha ucciso più volte, che ha visto la morte in faccia e vuole tornare nella sua terra. Il suo legame con gli dei è saldo, soprattutto con la sua Athena, e il suo morale risentirà della sua assenza prolungata.

Purtroppo gli anni trascorsi sul campo di battaglia gli hanno fatto sviluppare un’impulsività che lo porterà a commettere alcuni errori fatali. Infatti, le sue reazioni alle sfortune che gli capiteranno durante le viaggio non saranno sempre ragionate e studiate. Nell’incontro con l’ignoto dimostrerà una curiosità insaziabile, ma il richiamo verso casa sarà costante in tutto il libro.

Manfredi riesce a catturare l’attenzione anche su piccoli particolari, dai rituali propiziatori alle cene frugali in riva al mare. Ci si sente immersi nella Grecia antica, ma l’atmosfera è diversa rispetto a quando si studiava l’odissea a scuola. Qui non si è distaccati dai sentimenti del protagonista, si soffre e si gioisce con Ulisse. Si nota la differenza con i suoi compagni, che non riescono a distinguersi dall’uomo comune dell’epoca. Si vorrebbe lottare al suo fianco per fermare Polifemo e impedire a Circe di sedurlo. Ci si commuove nel finale, quando finalmente Ulisse si risveglia sulla spiaggia della sua Itaca. Ogni scena è ricca di particolari, che rendono la lettura scorrevole e piacevole.

Nel finale si viene sorpresi con alcuni elementi fuori dai canoni, che riprendono la tradizione più antica e raccontano cosa successe dopo la conclusione conosciuta da tutti.

Consigliato a: chi vuole riscoprire un mito.

Voto:

Titolo: Il mio nome è Nessuno: Il ritorno
Autore: Valerio Massimo Manfredi
Serie: Il mio nome è Nessuno [2]
Editore: Mondadori
ISBN: 8852043101, 9788852043109
Lunghezza: 336 pagine

Bookrepublic

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...