Il mercante di libri maledetti – [Marcello Simoni]

Il mercante di libri maledetti

Trama: Anno del Signore 1205. Padre Vivïen de Narbonne viene braccato da un manipolo di cavalieri che indossano strane maschere. Il monaco possiede un libro molto prezioso, che non vuole cedere agli inseguitori. Tentando di fuggire, precipita in un burrone. Tredici anni dopo Ignazio da Toledo, di ritorno da un esilio in Terrasanta, viene convocato a Venezia da un facoltoso patrizio per compiere una missione: dovrà recuperare un libro molto raro intitolato “Uter Ventorum”, lo stesso libro posseduto da Vivïen.


Un romanzo storico che ti fa immergere nell’Europa del 1200, in una corsa spericolata per ritrovare un importante manoscritto. La vicenda ha tutte le caratteristiche per essere un’avventura formidabile: un misterioso mercante, accompagnato da un guerriero silenzioso e implacabile, deve mettersi in viaggio insieme a un giovane cresciuto dai frati, che non ha mai conosciuto il mondo al di fuori del convento.

I personaggi sono ben descritti e riescono a suscitare subito le simpatie del lettore. Ritroviamo in Ignazio la figura dell’intellettuale, sempre pronto a scoprire qualcosa in più sulla realtà che lo circonda. Non è disposto ad accettare un dogma imposto dall’alto, ma vuole sempre avere una spiegazione reale per la realtà che lo circonda. Non bisogna però confondere questo suo approccio con una mentalità scientifica moderna: il mercante si inserisce alla perfezione nella sua epoca, credendo all’alchimia e all’esistenza di entità sovrannaturali quali angeli e demoni. Il giovane Uberto invece è l’incarnazione della curiosità, poiché rimane affascinato da qualsiasi cosa incontri. Spesso questa sua caratteristica lo caccerà nei guai, ma il ragazzo è pronto a imparare dai suoi errori. E’ molto sentimentale, lasciando influenzare le sue azioni e le sue parole da ciò che prova, portandolo a volte in situazioni di conflitto con gli altri quando c’è qualche incomprensione. Per ultimo Willialme, il guerriero protettore del mercante e di Uberto, che è il più schivo dei tre. Non è facile inquadrare il personaggio, poiché si scopre qualcosa di più su di lui a metà romanzo. Una cosa però è certa: è fedele a Ignazio e farebbe di tutto pur di proteggerlo, anche sacrificare la sua stessa vita.

L’Europa descritta è per metà in guerra, per metà completamente isolata dal resto del mondo. Le campagne sono viste come un simbolo di pace e tranquillità rispetto alle città caotiche, per lo più sotto assedio. I pericoli nel viaggiare da soli sono sempre presenti, ma i tre protagonisti sono abbastanza in gamba da riuscire a evitarli, senza correre troppi rischi. Un’avventura davvero esaltante, in cui il finale è l’unica nota stonata.

Consigliato a: chi sogna un’avventura medievale.

Voto:

Titolo: Il mercante di libri maledetti
Autore: Marcello Simoni
Serie: Trilogia del mercante di Reliquie [1]
Editore: Newton Compton
ISBN: 8854131946, 9788854131941
Lunghezza: 352 pagine

Bookrepublic

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...