Il canto della rivolta – [Suzanne Collins]

Il canto della rivolta

Trama: Contro ogni previsione, Katniss Everdeen è sopravvissuta all’Arena degli Hunger Games. Due volte. Ora vive in una bella casa, nel Distretto 12, con sua madre e la sorella Prim. E sta per sposarsi. Sarà una cerimonia bellissima, e Katniss indosserà un abito meraviglioso. Sembra un sogno… Invece è un incubo. Katniss è in pericolo. E con lei tutti coloro a cui vuole bene. Tutti coloro che le sono vicini. Tutti gli abitanti del Distretto. Perché la sua ultima vittoria ha offeso le alte sfere, a Capitol City. E il presidente Snow ha giurato vendetta. Comincia la guerra. Quella vera. Al cui confronto l’Arena sembrerà una passeggiata


La fine di una saga è sempre un momento un po’ delicato: ci si è affezionati così tanto ai personaggi che non si vorrebbe mai smettere di leggere le loro avventure. La trilogia di Hunger Games non è da meno: si è indecisi tra il voler scoprire cosa riserva il futuro di Katniss e la paura di vedere deluse le proprie attese.

Questo libro, per come si era concluso il secondo volume, ha un inizio stranamente lento. Ci siamo lasciati alle spalle l’attività frenetica dell’arena e ci ritroviamo immersi in una calma, solamente apparente, tra i ribelli contrari a Capitol City. Katniss sembra apatica, senza nessuna reazione agli stimoli esterni, e avvertiamo la mancanza della ragazza energica dei libri precedenti. Questa volta, infatti, i veri eroi saranno gli uomini della vicenda. Sarà tramite l’interazione con Peeta e Gale che la protagonista ritroverà la voglia di affrontare le varie vicissitudini per ottenere finalmente la pace.

Di sicuro essere tra i ribelli non vuol dire sentire veramente al sicuro. Come scoprirà sulla sua pelle la stessa Katniss, spesso i metodi adottati per combattere contro Capitol City sono a dir poco brutali. Aver sofferto per anni le regole imposte da un nemico spietato, ha segnato molte persone, che ora si ritrovano nei posti di comando e potrebbero commettere l’errore di lasciarsi influenzare dalla loro storia personale. Katniss stessa corre questo rischio: ha partecipato a due edizioni degli Hunger Games, ha incontrato il presidente Snow e, purtroppo, ha visto morire molte persone a lei care. Le sue emozioni, una volta sbloccate, sono fin troppo esplosive, non lasciandole spazio per sensazioni intermedie e travolgendo il povero malcapitato che le si trova di fronte.

Ammetto che la fine mi ha lasciato un po’ spiazzata. Per quanto i capitoli che la precedono preparano il lettore al gran finale, non si è comunque pronti allo scenario che è presentato.

Consigliato a: chi desidera leggere le ultime avventure di questa trilogia.

Voto:

Titolo: Il canto della rivolta
Autore: Suzanne Collins
Serie: Hunger Games [3]
Editore: Mondadori
ISBN: 8804621885, 9788804621881
Lunghezza: 419 pagine

Bookrepublic

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...