Il Signore degli Incantesimi – [Markus Heitz]

Il Signore degli Incantesimi

Trama: Mai più: è questa la solenne promessa che Lodrik fa a se stesso. È stato grazie all’aiuto del dio Tzulan che il giovane principe è riuscito a sventare una rivolta e a riportare la pace nella remota provincia di Granburg. Tuttavia la potenza del dio ha altresì scatenato una spaventosa forza distruttiva, convincendo Lodrik a rinunciare per sempre a un simile stratagemma. Almeno fino al giorno in cui un messaggero non gli comunica la notizia della morte del padre, sovrano di Tarpol, e l’ordine di tornare subito nella capitale per essere incoronato re. Una volta giunto a palazzo, infatti, Lodrik non solo deve affrontare l’ostilità dei nobili – che lo considerano troppo giovane e inesperto –, ma anche fare i conti con un’antica profezia, secondo cui l’ascesa al trono del principe farà ripiombare il mondo nel caos dell’Epoca buia. E qualcuno sta tramando nell’ombra per organizzare un attentato, ed evitare così che quella terribile predizione si avveri. Schiacciato dalle responsabilità del suo incarico e dalla paura di cadere vittima dei suoi nemici, Lodrik non ha scelta: se vuole governare su Tarpol – e salvarsi la vita –, deve chiedere di nuovo l’intervento di Tzulan…

La mia recensione
Ritorniamo nella terra di Lodrik, e ci ritroviamo alle prese con una svolta incredibile: morto il padre, il giovane deve diventare il sovrano di Tarpol. Per quanto sia maturato nel libro precedente, Lodrik ha ancora molto da imparare, soprattutto per quanto riguarda la gestione delle emozioni. Il giovane, infatti, si lascia trascinare dalla rabbia e dal dolore. Reagisce senza pensare, e ciò gli causerà la maggior parte dei guai.

Sul fronte dell’amore la situazione si complica. Lodrik ha le idee chiare: Norina è la sposa ideale per lui. Purtroppo la ragione di stato impone un matrimonio diverso. Non può che tornare in mente la profezia fatta nel primo libro su cosa riserva il futuro amoroso del giovane. Scopriamo però che qualcuno trama nell’ombra per fare in modo che tutto avvenga secondo un piano ben prestabilito, messo in moto anni prima.

Gli intrighi di corte occupano la maggior parte della trama. Sono introdotti nuovi personaggi, affollando un po’ troppo la scena, e ognuno ha un obiettivo e delle mire ben precise. Noi possiamo avere una visione più ampia delle vicende, ma il povero Lodrik e i suoi fidati consiglieri si ritrovano a dover fare delle scelte difficili senza avere il quadro completo della situazione. Tra le trame più intricate ritroviamo la missione del monaco Matuc. Lo avevamo lasciato convinto del suo comportamento nel libro precedente, mentre ora lo ritroviamo più a suo agio nella sua terra ma con qualche dubbio aggiuntivo su ciò che deve portare a termine.

Le riflessioni dei personaggi occupano ampia parte della vicenda, dando rilievo anche ai pensieri che possono sembrare di poca importanza. In realtà tutto si incastra con estrema lentezza, componendo a poco a poco il futuro del regno di Tarpol. Il problema principale del romanzo è proprio questo: arrivati alla conclusione, sembra che non sia successo molto. Molte riflessioni ma poca azione, speriamo quindi che il prossimo volume segni una svolta (e non introduca altri personaggi!)

Consigliato a: chi desidera un fantasy corale.

Voto:

Titolo: Il Signore degli Incantesimi
Autore: Markus Heitz
Serie: Le Cronache di Ulldart [2]
Editore: Nord
ISBN: 8842916757, 9788842916758
Lunghezza: 432 pagine

Bookrepublic

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...