Uomini e topi – [John Steinbeck]

Uomini e topi

Trama: Pubblicato nel 1937 negli Stati Uniti, apparso un anno dopo in Italia nella celebre traduzione di Cesare Pavese, Uomini e topi è un piccolo intenso dramma che colloca l’amara vicenda dei suoi protagonisti su uno sfondo di denuncia sociale. Il romanzo affronta in chiave simbolica il problema dell’emigrazione contadina all’Ovest, terra di mancate promesse negli anni successivi alla Depressione: è la storia tragica e violenta di due braccianti che trovano lavoro in un ranch della California, il grande Lennie, gigante buono e irresponsabile, e il saggio George, guida e sostegno dell’amico nella vana resistenza alla difesa del mondo. Sfruttamento e lotte sociali, ingiustizia e sofferenza umana, tutti temi che verranno trattati con realismo aspro e risentito in Furore, sono qui espressi con una vena di lirica commozione e con quel vigore narrativo che fa di Steinbeck uno dei grandi autori americani.

La mia recensione
Lennie e George sono i protagonisti del libro, inseparabili nonostante le difficoltà. Sono completamente diversi, ma li unisce un sentimento simile all’amore fraterno. Lennie è un gigante un po’ tonto, con una forza incredibile ma senza il giusto cervello per cavarsela nella vita. Per questo deve fare affidamento su George, che è in grado di tenerlo a bada ed escogitare sempre nuove idee per trovare lavoro.

I due uomini vorrebbero fare fortuna, accumulando soldi mentre lavorano come braccianti, e acquistare un terreno tutto loro per mantenersi. Il problema è che il comportamento di Lennie li costringe a cambiare spesso padrone, impedendo loro di realizzare il loro sogno. Il gigante, infatti, ha una passione strana: adora i piccoli animali e vorrebbe sempre accarezzarli. Non riesce però a gestire la sua forza e non capisce quando è il momento di usare una mano più delicata. Così facendo finisce per ucciderli sempre, pentendosi subito dopo per la sua incapacità di controllarsi. In realtà secondo Lennie la colpa è degli animaletti stessi, che dovrebbero essere più resistenti, poiché lui non sta facendo alcun male.

George si trova così intrappolato tra il senso del dovere, per aiutare il suo compagno a sopravvivere, e la possibilità di avere una vita migliore. L’uomo non sembra dare troppo peso alla sua situazione, quasi il suo destino gli sia indifferente, anche se a volte gli capita di lasciarsi andare a sfuriate contro Lennie. Ma anche lui sa che sono del tutto vane: il suo amico non è in grado di comprenderle e non riesce a ricordarsele a lungo.

La vicenda giunge al suo culmine obbligando George a compiere una scelta: continuare ad aiutare Lennie, nonostante i guai in cui si caccia diventano sempre più pericolosi per l’incolumità di entrambi, oppure cambiare drasticamente la sua vita, il che implica però separarsi dal suo amico.

Consigliato a: chi vuole riflettere sull’importanza dell’amicizia.

Voto:

Titolo: Uomini e topi
Autore: John Steinbeck
Editore: Bompiani
ISBN: 8845250083, 9788845250088
Lunghezza: 117 pagine

Bookrepublic

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...