2010 Odissea due – [Arthur C. Clarke]

2010 Odissea due

Trama: L’astronave Leonov e il suo equipaggio, del quale fa parte l’astronomo americano Heywood Floyd, è in rotta verso Giove con il compito di studiare il misterioso monolito e recuperare l’astronave Discovery. I cinesi battono sul tempo la Leonov ma, una volta atterrati su Europa, la loro astronave viene distrutta da misteriose forme di vita. Nel frattempo David Bowman, sotto forma di un essere superiore ma non ancora svincolato dalla sua natura umana, lancia strani moniti. Qualcosa di importante sta per accadere ma non è ben chiaro chi ci sia dietro a tutto questo e per quale finalità agisca: il monolito nero, replicandosi all’inverosimile, aumenta la massa di Giove facendolo collassare su se stesso fino a trasformarlo in una stella.

La mia recensione
Ritorniamo nel sistema solare per continuare la nostra indagine sugli strani monoliti ritrovati dagli astronauti terrestri. Stavolta il protagonista sarà Heywood Floyd, lo scienziato che avevamo già incontrato nel libro precedente. Dovrà affrontare un viaggio nello spazio alla volta di Giove, con altri personaggi, ognuno specializzato in un campo ben preciso. I contatti con la Terra saranno sporadici e si avrà l’impressione che siano a senso unico, poiché non è mai mostrata la risposta ricevuta.

Il romanzo si divide in due parti: la prima riguarda la missione che dovrà partire alla volta di Giove, per recuperare l’astronave Discovery, la stessa abbandonata da David Bowman nel libro precedente. La seconda parte, più affascinante, riguarda invece le scoperte che faranno gli astronauti intorno a Giove. Nonostante buona parte del libro si svolga nello spazio confinato di una navetta spaziale, non si ha la sensazione di essere rinchiusi in un ambiente troppo piccolo. Ogni volta che i personaggi osserveranno il mondo esterno, scopriranno meraviglie incredibili, che nessuno prima di loro ha mai potuto osservare.

C’è spazio anche per descrivere la politica del futuro, così come la immaginava l’autore. Le lotte tra le varie super potenze sembrano basarsi tutte su scoperte scientifiche e d’avanguardia. Chi dimostra di essere più avanzato rispetto agli altri può avere un vantaggio rilevante per conquistare i luoghi inesplorati nello spazio. E spesso si deve collaborare con quelli che si ritengono i propri nemici, se si vuole raggiungere il risultato sperato.

Il romanzo non introduce elementi tecnologici nuovi rispetto al precedente, anche perché sono passati pochi anni e gli uomini non hanno avuto il tempo materiale per compiere qualche cambiamento efficace. Il libro presenta invece una serie d’interrogativi etici e morali cui il lettore stesso è chiamato a dare una risposta. E’ corretto conquistare lo spazio, pezzo dopo pezzo, solo perché si hanno gli strumenti e la forza per farlo? Solo perché si è una civiltà più avanzata di un’altra, ci si può sentire in diritto di decidere del futuro degli altri?

Consigliato a: chi vuole immaginare cosa ci riserva il futuro.

Voto:

Titolo: 2010 Odissea due
Autore: Arthur C. Clarke
Serie: Odissea nello spazio [2]
Editore: Rizzoli
ISBN: 8817202312, 9788817202312
Lunghezza: 368 pagine

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...