7. Il numero maledetto – [Barnabas Miller, Jordan Orlando]

7. Il numero maledetto

Trama: Mary Shayne desiderava che il suo diciassettesimo compleanno fosse speciale, un evento da ricordare, ma di certo non immaginava che si sarebbe svegliata nuda, nel letto di un negozio di mobili, con i postumi di una terribile e inspiegabile sbronza. E la giornata prosegue nel peggiore dei modi: a scuola nessuno le fa gli auguri, né le sue migliori amiche, Amy e Joon, né il suo ragazzo, Trick, che anzi la lascia. Con il trascorrere delle ore, Mary si convince sempre di più che qualcuno sta tramando contro di lei, e i fatti le danno ragione: prima della fine della giornata viene uccisa a sangue freddo.
Ma la morte non è che l’inizio di una nuova odissea. Mary si ritrova intrappolata in uno strano limbo, costretta a rivivere il giorno della propria morte attraverso gli occhi delle sette persone che le erano più vicine, ognuna delle quali – scoprirà con sgomento – aveva più di una ragione per odiarla. Ma chi di loro l’ha uccisa? E perché? Per scoprirlo e cercare di cambiare il corso degli eventi, Mary dovrà fare i conti con i dolorosi misteri e gli inconfessabili segreti che si nascondono sotto la patina dorata del suo mondo perfetto.

La mia recensione
Una storia sicuramente noiosa, che dovrebbe coinvolgerti con un mistero intrigante, ma alla fine riesce a farti rivivere le stesse scene più volte. Accompagniamo Mary Shayne nel suo ultimo giorno in vita, in cui sembra succederle di tutto. A metà del libro si inizia a capire che sta succedendo qualcosa di strano, con la protagonista che rivive la giornata incarnandosi in diverse persone. Qui inizia la parte noiosa del libro, in cui tra l’altro Mary subisce un vero lavaggio del cervello. Al posto di essere una vittima si sente quasi un carnefice, per come si comporta verso gli altri. Posto che in alcuni atteggiamenti la ragazza è notevolmente supponente e approfitta degli altri grazie al suo aspetto, in alcune occasione lei invece si comporta molto bene. Ma è pronta a rimangiarsi tutto perché si sente in colpa. Di cosa precisamente non si capisce.

Il finale poi è completamente fuori luogo. Dopo aver creato un’atmosfera di mistero per parecchie pagine, si risolve tutto in modo brusco e senza una motivazione reale. La protagonista, che doveva essere all’oscuro di tutto, diventa invece la chiave per spiegare anche a chi legge che diavolo sta succedendo.

I personaggi che si incontrano nel libro sono dei ragazzi normali, ciascuno con i propri difetti. Loro però si sentono perfetti in tutto e certamente in grado di giudicare una persona senza il minimo rimorso. Mi ha lasciato un po’ stupita che la loro vita sia legata in modo così forte a Mary e che nessuno la sopporti veramente. Possibile che non li abbia sfiorati l’idea che se questa ragazza è così odiosa, è possibile evitarla e ignorarla? Oppure ammetterle a viso aperto che non si può più tollerare il suo comportamento e trovare un compresso insieme. Ovviamente loro scelgono la strada più difficile, che si trascina per più pagine fino a un risultato veramente disastroso.

Consigliato a: chi apprezza i misteri che si trascinano arrancando per più pagine.

Voto:

Stelle 2

Titolo: 7. Il numero maledetto
Autore: Barnabas Miller, Jordan Orlando
Editore: Newton Compton
ISBN: 8854135763, 9788854135765
Lunghezza: 320 pagine

GoodreadsBookrepublic

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...