Speciale Watson Edizioni – Stranimondi 2016

Primo giorno di Stranimondi, decisamente ricco di incontri e scoperte.

Iniziamo da Watson Edizioni che è presente con ben sei libri (e una sorpresa), uno diverso dall’altro.

Nowhereland di Federica Pelissero è un romanzo distopico, in cui l’umanità è sull’orlo dell’estinzione e solo una ragazza coraggiosa potrà salvare le sorti del pianeta.

Se invece amate più il fantasy, ma volete qualche elemento diverso dal soliti, non potete perdervi Nero elfico di Daniele Picciuti. Tra elfi e alieni, l’atmosfera descritta è decisamente strana e peculiare, a cui non mancano delle scene forti e violente.

Con Schegge di Alfonso Zarbo ci spostiamo invece sul fronte della raccolta di racconti, mischiando così una varietà di generi e di trame.

Per chi apprezza i libri dedicati ai ragazzi ma in grado di far riflettere, potrà trovare in Il clan dei cari estinti di Carlo Deffenu un romanzo dolce e pieni di fantasmi.

A Stranimondi erano presenti anche due autrici, Valentina Capaldi e Francesca Caldiani, con due libri di generi diversi ma molto interessanti.

Dopo cinquecento anni affronta il viaggio di un demone alla ricerca di un modo per poter tornare all’inferno. Come ha spiegato l’autrice stessa, il viaggio è il miglior espediente per far crescere i personaggi e poterli esplorare fino in fondo. La stesura del romanzo ha richiesto ben due anni, quindi aspettatevi delle descrizioni ricche e particolareggiate. E’ un fantasy storico e l’autrice si è impegnata per mantenere un minimo di coerenza attraverso le epoche storiche, senza introdurre elementi anacronistoci.

Jonas Grinn è un romanzo di fantascienza incentrato sull’energia solare e sul suo utilizzo nella società. Se si arrivasse a dover scegliere tra un mondo lento ma pulito e un mondo veloce ma con rischi per la salute umana, da quale lato vi schierereste?

Come ultima nota vi lascio una curiosità: Elena Cabiati ha pubblicato con Watson Edizioni il seguito de La viaggiatrice di O. Possiamo quindi trovare una nuova avventura magica di Gala e del suo maestro Kundo.

Quale di questi libri vi ispira di più?
Se volete scoprire tutte le pubblicazioni di Watson Edizioni, vi consiglio di esplorare il loro sito ufficiale.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...