Il bacio più breve della storia – [Mathias Malzieu]

Il bacio più breve della storia

Trama: Parigi, una sera al Théâtre du Renard, l’orchestra suona It’s Now or Never. Una ragazza misteriosa e sfuggevole si aggira, lui la nota, cerca in ogni modo di avvicinarla e, quando ormai tutto sembra impossibile, si trovano faccia a faccia e si baciano. Un bacio minuscolo, il più breve mai registrato, e lei scompare. Invisibile, si allontana. Un mistero anche per un inventore come lui che, seppur di indole tendenzialmente depressa, è determinato a rivedere l’eterea e vulnerabile creatura che lo ha ammaliato. Inizia così una ricerca serrata in cui sarà affiancato da due bizzarri personaggi: un detective in pensione, che ha tutto l’aspetto di un orso polare, e il suo stravagante pappagallo. Le invenzioni si susseguono e qualcosa di molto goloso e originale aiuterà il protagonista nel suo scopo. Ormai è chiaro, fra i due è scoccata una scintilla, si è prodotto un cortocircuito. Ma in amore gli artifici non bastano, servono coraggio e temerarietà, doti che entrambi dovranno conquistare se vorranno trovarsi e abbandonarsi l’uno all’altra.
Riusciranno i due a superare ostacoli e paure e a vivere il loro amore?

La mia recensione
Una dolcissima storia d’amore, che parte da un bacio fugace fino ad arrivare a una coppia davvero innamorata.

Il nostro protagonista è alquanto strano: è un inventore, che vive in un mondo tutto suo. La sua ragazza lo ha lasciato e lui ne sta soffrendo molto. La cosa strana è come ne parla: non c’è mai un accenno diretto a quanto gli è successo, ma ci sono continui rimandi ai suoi sentimenti, spesso descritti con toni apocalittici. Si capisce che il nostro protagonista si lascia trascinare dalle sue emozioni, spesso senza rendersi conto della frenesia che riesce a generare. Peccato che se non riesca a trattenere tale entusiasmo a lungo andare, ma la tristezza e la depressione sembrano subito assalirlo di nuovo.

La sua vita viene movimentata proprio da una nuova ragazza, sconosciuta e scomparsa improvvisamente, che incuriosisce fin da subito anche noi. Ovviamente i toni della ricerca rimangono strampalati, ma siamo comunque trascinati in questa caccia alla ragazza fantasma. Lei la scopriamo poco a poco e a primo impatto non fa certo una bella impressione. Sembra essere timida e introversa, non molto interessata al nostro inventore per non rischiare di esporsi. E’ decisamente il personaggio che ho apprezzato di meno del libro, perché risulta troppo sfuggente. Non riesce a conquistarsi un briciolo di simpatia di parte nostra, anche perché si ha sempre il sospetto che nasconda qualcosa.

Lo stile dell’autore ricorda quello di Benni, con parole inventate e buffe. L’occhio critico ci porta a cogliere come ci siano alcune incoerenze nella trama, per esempio un protagonista con la memoria incredibile che non riconosce una voce, ma preferiamo concentrarci sulla parte più romantica.

In fondo essere corteggiate da un inventore stravagante, pronto a tutti pur di strappare un nuovo bacio, è davvero una bella favola da vivere.

Consigliato a: chi vuole rincorrere la propria anima gemella.

Voto:
Stelle

Genere:
Romantico
Titolo: Il bacio più breve della storia
Autore: Mathias Malzieu
Lunghezza: 103 pagine
Edizione: Copertina flessibile
Ebook
Editore: Feltrinelli

Goodreads

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...