Paradise Lost – [Bunnie Tall]

Paradise Lost

Trama: John sa che la notte è piena di pericoli e per anni ha rispettato le regole che impongono agli uomini di vivere solo alla luce del sole.
Ma John è giovane e ha bisogno di sentirsi vivo. Per questo ogni venerdì sera lascia la sicurezza della sua casa per andare in qualche locale notturno insieme ad altri ragazzi come lui.

Sai cosa nasconde la notte. E se stavolta non fosse quello che pensi?

La mia recensione
Vampiri nascosti nell’ombra e una sorella invadente e asfissiante, la vita per John non potrebbe essere più complicata. La felicità sembra però essere a portata di mano, se solo il ragazzo decidesse di farsi coraggio e lasciarsi andare.

Il mondo in cui vive è molto restrittivo per le regole che bisogna seguire. Niente uscite serali se non sotto stretta osservazione di guardie armate, bisogna rispettare un coprifuoco altrimenti si rischia la vita. Tutto questo è stato causato l’arrivo in massa di vampiri famelici, che non si limitano più a nascondersi ma sono pronti ad attaccare gli umani senza paura. John però è stanco di seguire le regole e vorrebbe solo un po’ di spazio per sé stesso. Per questo si concede delle piccole trasgressioni, come andare in discoteca, che però cambieranno completamente la sua vita.

L’incontro con Valentin è il fulcro della storia, che mette in moto una serie di eventi che non sarà possibile fermare. Il rapporto tra i due evolve molto velocemente, lasciando però spazio ad alcune incomprensioni tra i due giovani. Non sono infatti pronti ad avere un futuro insieme, soprattutto Valentin che è abituato a una vita solitaria. John sembra essere il più aperto verso i cambiamenti, considerando che vive una situazione molto opprimente in famiglia.

Il resto dei personaggi è però ridotto a delle mere comparse. Servono a movimentare la vicenda, ma rimangono sullo sfondo senza avere un minimo di spessore. Anche il cosiddetto “cattivo” della situazione sembra quasi una macchietta. Il suo scopo è quello di far risaltare il comportamento eroico di Valentin, di renderlo diverso da tutti gli altri e mostrare quanto sia speciale. E’ un peccato che non abbiamo un ruolo maggiore nella vicenda, perché avrebbero arricchito la storia.

Il libro è auto conclusivo, anche se presenta un finale un po’ frettoloso, che non risolve tutti i dubbi che sono emersi nel corso delle pagine.

Consigliato a: chi vuole sognare tra le braccia di uno sconosciuto.

Voto:
Stelle 3

Genere:
Fantasy
Titolo: Paradise Lost
Autore: Bunnie Tall
Lunghezza: 173 pagine
Edizione: Ebook

Goodreads

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...