Red. La prima luce – [Linda Nagata]

Red. La prima luce

Trama:Il tenente James Shelley è al comando di una squadra militare ad alta tecnologia dislocata in un distretto rurale nel Sahel africano. La missione è una: combattere gli insorti. Tre gli obiettivi: primo, difendere i civili; secondo: uccidere il nemico; terzo, e più importante: rimanere vivi. Perché in una guerra di mercenari, costruita a tavolino dalla lobby delle armi, non esiste una causa per cui valga la pena morire.
Costantemente connessi con la centrale operativa, Shelley e i suoi uomini non sanno di essere anche protagonisti di un reality show televisivo. Quando un improvviso attacco aereo quasi distrugge il loro avamposto, inizia a prendere forma una trama di sporchi traffici tra politici corrotti, terroristi nucleari e uomini d’affari. Per difendere se stesso e la squadra dagli intrighi del potere, Shelley non può fare ricorso solo alla tecnologia. Dovrà fidarsi del suo sesto senso, ovvero la voce che gli sussurra infallibilmente nella testa quando un pericolo si avvicina…

La mia recensione
Armi, assalti all’ultimo sangue e tecnologia portata all’estremo: sono gli ingredienti base di questa avventura fantascientifica. Preparatevi a scoprire un futuro di guerra, con un protagonista pronto a battersi per sopravvivere con i suoi uomini.

James Shelley è un uomo alquanto strano: sergente di una truppa d’assalto, è sempre pronto per difendersi, ma al tempo stesso non gli piace combattere. Vive in un mondo in cui la tecnologia ha fatto passi da gigante, in cui è possibile essere sempre connessi grazie a delle speciali calotte da indossare. Pagandone ovviamente un prezzo: è possibile infatti stimolare solo emozioni positive, permettendo così ai soldati di compiere azioni tremende senza essere schiacciati dai sensi di colpa. Ovviamente l’utilizzo delle calotte da dipendenza, cosa di cui l’esercito non può che esserne contento, visto che può così controllare sempre i suoi soldati. Anche James non è da meno, ma vive secondo un suo codice morale, che gli permette di tirare avanti senza impazzire.

La trama del libro si infittisce subito, perché sembra che il protagonista possegga un’abilità fuori dal comune, una specie di sesto senso che gli permette di sopravvivere nei momenti più difficili. Se questo sia un dono o una maledizione lo scopriremo nel corso dei capitoli, dove James sarà catapultato dentro una fitta rete di intrighi per conquistare più potere e controllo.

L’aspetto tecnologico non si limita solo alle armi per i soldati, ma anche per le ricadute sulla vita quotidiana. Non sono solo gli uomini al fronte che affidano le loro vite a un qualche macchinario avanzato, ma anche le persone comuni. Come sia possibili preservare la privacy e la propria indipendenza sarà uno dei quesiti che ci sorgerà spontaneo con l’infittirsi del mistero che sta per piombare nella vita di James. E’ quasi un peccato che non sia stato tradotto il seguito del libro, perché il finale è aperto a qualsiasi sviluppo.

Consigliato a: chi apprezza gli intrighi tecnologici.

Voto:
Stelle 4

Genere:
fantascienza
Titolo: Red. La prima luce
Autore: Linda Nagata
Serie: Red [1]
Lunghezza: pagine
Edizione: Copertina flessibile
Ebook
Editore: Mondadori

Goodreads

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...