Il teschio parlante – [Jonathan Stroud]

Il teschio parlante

Trama: A sei mesi da quella terribile notte, in cui Anthony, Lucy e George sopravvissero in una casa infestata da fantasmi, l’agenzia di acchiappafantasmi Lockwood & Co. non ha più fatto molti progressi. L’agenzia rivale cerca sempre di mettergli i bastoni tra le ruote, senza permettettergli di portare a termine alcuna missione. Anthony non può che prendere una decisione: sfidarli nella soluzione di un caso; e chi perderà sarà costretto ad ammettere la sconfitta niente di meno che
sul Times. La sfida ruoterà intorno al mistero di Mr. Saunders e della riesumazione del cadavere di un dottore vittoriano capace in passato di comunicare con i morti…

La mia recensione
Ritornano i fantasmi a Londra e le investigazioni di Lucy e i suoi amici. Anche stavolta ci troviamo davanti a una bella avventura, con la giusta dose di colpi di scena e di scoperte sui protagonisti.

Il potere di Lucy si sta evolvendo con il passare del tempo. La ragazza sta anche acquistando fiducia in se stessa, il che è un bene visti i pericoli che deve affrontare. Il suo Udito è eccezionale e la mette in contatto con il famigerato teschio presente nelle casa. Il fantasma in questione è un gran affabulatore quando vuole e riesce ad attirare la nostra attenzione, e quella di Lucy, mettendo in risalto i misteri che circondano Anthony. Di lui infatti sappiamo ben poco e i rari commenti che fa sul suo passato non riescono a farci capire qualcosa in più sul personaggio.

L’agenzia però non può fermarsi e rischiare di avere agenti che non collaborano tra di loro, perché il caso che devono affrontare è molto rischioso. Rispetto ai primi fantasmi incontrati nel libro precedente, notiamo che le missioni diventano sempre più difficili. La bravura dell’agenzia fa si che molti più clienti richiedano il loro intervento e a volte la fatica inizia a farsi sentire sui tre protagonisti. Alcuni errori sonondovuti alla stanchezza o alla disattenzione, che nel loro mestiere può portare a una morte molto dolorosa.

Notiamo anche che il sistema ideato per proteggere la società dai fantasmi non sia proprio perfetto. I controllori adulti spesso prendono scelte sbagliate e i ragazzi non si oppongono più di tanto. L’organismo centrale che dovrebbe controllare tutte le agenzie ha un occhiodi riguardo per quelle più grandi e storiche. Questo non significa che siano però le migliori, portando così un netto svantaggio per i nostri protagonisti quando si tratta di affrontare dei casi importanti.

Il finale sinceramente mi ha un po’ stupita, perché è inaspettato e potrebbe rappresentare una grande svolta nella serie.

Consigliato a: chi non ha paura di avventurarsi nei cimiteri di notte.

Voto:
Stelle 4

Genere:
Fantasy
Titolo: Il teschi parlante
Autore: Jonathan Stroud
Serie: Lockwood & co. [2]
Lunghezza: 341 pagine
Edizione: Copertina rigida
Copertina flessibile
Ebook
Editore: Salani

Goodreads

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...