Utopia – [Leonardo Patrignani]

Utopia

Trama: Quella in cui Alex, Jenny e Marco vivono da diciotto anni è una realtà confortante, un rifugio sicuro. Ma è solo una delle infinite facce del dado, una delle molteplici realtà del Multiverso. Cos’è successo davvero mentre cercavano di raggiungere una nave diretta a Oriente, in fuga dalla società totalitaria di Gea? Quali sono le conseguenze drammatiche del baratto a cui allude Anna? Dall’altra parte, il mondo sta cadendo a pezzi sotto la nefasta guida di qualcuno che ha le loro stesse facoltà. Dall’altra parte, ci sono un vecchio di ottantotto anni che sta marcendo in un penitenziario e due giovani che vivono rinchiusi come topi da laboratorio. Dall’altra parte, la loro mente è rimasta l’unica e ultima speranza.

La mia recensione
L’ultimo capitolo della saga Multiversum è davvero ricco di avvenimenti. Siate pronti a immergervi in un viaggio che colpisce a fondo nella mente, anche se alcuni colpi di scena non sembrano essere molto in linea con la trama.

La vita di Alex, Jenny e Marco ormai sta prendendo una piega particolare. Si ritroveranno, infatti, a dover fare i conti con le loro abilità di viaggiare attraverso le dimensioni, diventando così gli unici candidati al ruolo di eroe della vicenda. Saranno aiutati dagli altri personaggi, ma sarà proprio la loro diversità la chiave che innescherà un cambiamento.

Il mondo di Gea, così come è stato descritto nel libro precedente, non si può certo dire felice. Si tratta di una dittatura, in cui la libertà è talmente limitata che le persone non si sforzano neanche di ragionare. Seguono le regole senza farsi troppe domande, accettando qualsiasi imposizione dall’alto. I nostri protagonisti hanno invece una mentalità completamente diversa, che li rende meno inclini ad accettare un compromesso del genere.

Anna, che sembrava un personaggio un po’ marginale, si rivela invece cruciale nella prima parte del libro. Il suo compito è fondamentale, ma si capisce che ogni tanto ha dei ripensamenti. Vorrebbe sentirsi libera da ogni incombenza, senza più legami con il passato, ma non è possibile sfuggire del tutto alle esperienze che ha provato. Il suo intervento però fornirà la giusta svolta alla vicenda, trasportandoci così dritti nella seconda parte del libro.

E’ questo l’aspetto che mi è meno piaciuto della vicenda. Gli eventi si susseguono troppo velocemente, con soluzioni troppo semplici rispetto alle reali difficoltà incontrate dai personaggi. Il mondo di Gea non è certo noto per la facilità con cui è possibile diffondere la verità o cercare di ribellarsi alle regole, ma a quanto pare queste azioni sono tutte semplici per i protagonisti.

Il capitolo finale è in netto contrasto con la precedente e getta nuova luce su tutta la trilogia.

Consigliato a: chi non si arrende di fronte a ostacoli infiniti.

Voto:
Stelle 3

Genere:
Fantascienza
Titolo: Utopia
Autore: Leonardo Patrignani
Serie: Multiversum [3]
Lunghezza: 394 pagine
Edizione: Copertina rigida
Copertina flessibile
Ebook
Editore: Mondadori

Goodreads

Annunci

Memoria – [Leonardo Patrignani]

Memoria

Trama: Alex, Jenny e Marco hanno provato sulla loro pelle cosa vuol dire perdersi nelle infinite strade del Multiverso. Ora, però, non sanno come uscire da Memoria, una dimensione mentale, non meno chiusa di una gabbia, nella quale vedono solo ciò che ricordano. Mentre i secoli trascorrono dopo la fine della loro civiltà, una nuova Era comincia sul pianeta Terra. Ma in che modo si possono usare i ricordi per fuggire da Memoria e scampare all’eterna condanna? Quali segreti disseppelliti dal passato permetteranno loro di risvegliarsi nel futuro?

La mia recensione
Il multiverso diventa sempre più complicato e intricato. Peccato che questo libro sia in buona parte incentrato su Jenny, che ha la stessa vivacità di un sacchetto di plastica in balia delle onde. La ragazza alterna dei momenti di frustrazione a dei comportamenti da vera bambina viziata. Mentre Marco e Alex cercano di risolvere il mistero di Memoria, lei si offende perché il suo ragazzo non passa del tempo con lei. Non riesce mai ad accettare le spiegazioni che le sono fornite e deve sempre metterle in discussione. Il suo modo di fare è veramente stressane e la maggior parte delle volte avrei voluto strozzarla.

Alex finisce per fare un po’ la comparsa in questo libro. Se nel precedente era il punto centrale della vicenda, colui che prendeva l’iniziativa e riusciva a smuovere le acque, stavolta invece diventa quasi uno spettatore. Sembra relegato al ruolo di tramite tra Marco e Jenny e si limita a subire le scelte degli altri.

Marco fa dei grandi progressi rispetto al libro precedente. Se prima era solo un ragazzino intelligente, stavolta dimostra di avere carisma e grande coraggio per affrontare anche le situazioni più disperate. La rapidità di pensiero e la facilità nel comprendere le situazioni più disparate sono le sue qualità migliori, che può sfruttare come un’arma. In fondo è grazie a lui se l’esplorazione del multiverso è iniziata e se i ragazzi riescono a comprendere i suoi aspetti più profondi.

Il libro è come se fosse diviso nettamente in due parti. La seconda è quella che mi è sembrata meno incisiva, forse perché la presenza di Jenny è davvero invadente. Almeno nella prima parte sono presenti dei dialoghi che movimentano la scena. Il finale invece riesce a riscattare buona parte del romanzo, anche se apre a nuovi scenari del tutto sconosciuti.

Consigliato a: chi desisera scoprire qualcosa di più sulle realtà parallele.

Voto:
Stelle 3

Genere:
Fantascienza
Titolo: Memoria
Autore: Leonardo Patrignani
Serie: Multiversum [2]
Lunghezza: 331 pagine
Edizione: Copertina rigida
Copertina flessibile
Ebook
Editore: Mondadori

Goodreads

Multiversum – [Leonardo Patrignani]

Multiversum

Trama: Alex vive a Milano. Jenny vive a Melbourne. Hanno sedici anni. Un filo sottile unisce da sempre le loro vite: un dialogo telepatico che permette loro di scambiarsi poche parole e che si verifica senza preavviso, in uno stato di incoscienza. Durante uno di questi attacchi i due ragazzi riescono a darsi un appuntamento. Alex scappa di casa, arriva a Melbourne, sul molo di Altona Beach, il luogo stabilito. Ma Jenny non c’è. I due ragazzi non riescono a trovarsi perché vivono in dimensioni parallele. Nella dimensione in cui vive Jenny, Alex è un altro ragazzo. Nella dimensione in cui vive Alex, Jenny è morta all’età di sei anni. Il Multiverso minaccia di implodere, scomparire. Ma Jenny e Alex devono incontrarsi, attraversare il labirinto delle infinite possibilità. Solo il loro amore può cambiare un destino che si è già avverato.

La mia recensione
La nostra realtà può essere complessa, ma se dobbiamo affrontare una miriade di alternative diverse, la vita può complicarsi sempre più. Soprattutto se tutti gli indizi portano alla conclusione che qualcosa di terribile sta per accadere.

Alex e Jenny sono i due giovani protagonisti della storia, che si troveranno ad affrontare una realtà strana e bizzarra. Possono comunicare con la mente, cosa che genera qualche scompiglio nelle loro vite. Ma soprattutto scoprono di essere in grado di viaggiare attraverso dimensioni parallele, scoprendo delle storie alternative a quella che hanno vissuto, rincorrendosi a vicenda per riuscire a incontrarsi.

Quella che sembra essere una storia d’amore a distanza si trasforma però in una vera corsa contro il tempo. I due ragazzi non capiscono bene cosa stia succedendo, ma sanno che la realtà che conoscono sta per finire. Ad aiutarli lungo il loro difficile percorso troveranno l’aiuto di Marco, grande amico di Alex. Questo personaggio è il più singolare della vicenda. Con i suoi consigli e suggerimenti sprona il ragazzo ad agire, compie delle indagini per conto suo ed ha una fiducia incrollabile nell’amico. E’ veramente il punto fisso di Alex, la persona a cui può rivolgersi sapendo di essere sempre supportato e aiutato. Jenny non ha un equivalente al suo fianco, dimostrandosi più solitaria di Alex.

La storia anche se ambientata in dimensioni differenti, almeno inizialmente, segue comunque un unico filo conduttore. A volte ci si sente smarriti quando i protagonisti finisco in mondi davvero bizzarri, ma la sensazione dura solo un capitolo. Infatti i salti spaziali e temporali che fanno i ragazzi sono sempre mirati al rimanere insieme, cercando di ricongiungersi il prima possibile quando si separano.

Non è ben chiaro come mai siano gli unici ad avere questo dono, né chi siano le persone che tramano nell’ombra per impedire loro d’incontrarsi. Si capisce che nella vicenda ci sono ancora altri misteri da svelare, che scopriremo probabilmente nel prossimo libro.

Consigliato a: chi crede che la storia possa seguire un corso diverso.

Voto:
Stelle 4

Genere:
Fantasy
Titolo: Multiversum
Autore: Leonardo Patrignani
Serie: Multiversum [1]
Lunghezza: 341 pagine
Edizione: Copertina rigida
Copertina flessibile
Ebook
Editore: Mondadori

Goodreads