La regina della rosa rossa – [Philippa Gregory]

La regina della rosa rossa

Trama: Erede del nobile casato dei Lancaster, Margaret Beaufort è una donna ambiziosa fermamente convinta che la Rosa Rossa, simbolo della sua famiglia, sia destinata a regnare sull’Inghilterra. Ma i suoi sogni si infrangono il giorno in cui Enrico VI, amato cugino e sovrano, rifiuta di sposarla. Delusa e amareggiata, si lascia convincere dalla madre a un matrimonio senza amore. Si ritrova così, ancora giovanissima, legata a un uomo che ha il doppio dei suoi anni, e ben presto incinta di un figlio che non ha mai voluto. Margaret, però, non si arrende. Sola, tormentata da desideri irrealizzabili, decide di trasformare i suoi fallimenti in un trionfo: se lei non è riuscita a ottenere la corona, farà qualsiasi cosa perché la ottenga il figlio. Senza lasciarsi intimidire dal crescente potere della dinastia degli York, che si contrappone ai Lancaster ogni giorno di più, Margaret chiama il bambino Enrico. Come il re. E si prepara a marciare verso il trono, fra ambigue alleanze, complotti segreti e falsi giuramenti, pronta a tutto pur di raggiungere il proprio obiettivo. Anche a rinunciare per sempre all’amore.

La mia recensione
Nel secondo libro della serie di Philippa Gregory ci troviamo di fronte una nuova protagonista: una bambina cui viene strappata la sua infanzia, che si ritrova a inseguire un sogno potente. Un’intera casata la usa come pedina nei suoi giochi di conquista del regno, ma lei saprà trovare la sua strada nonostante le avversità.

Margaret non riesce a suscitare le nostre simpatie nelle prime pagine, perché appare come una bambina viziata, un po’ troppo sognatrice. Peccato che fin da subito le cose cambino e iniziamo a provare un minimo senso di pietà per la nostra protagonista, che si ritrova a fare da sposa e da madre in poco tempo. Il periodo non è però l’ideale per mettere al mondo un figlio in giovane età, visto i grandi rischi di salute che un parto comporta. Margaret si ritrova così a portare avanti una gravidanza, senza avere una minima idea dei pericoli per la sua salute, ma tutto quello che desidera è inseguire il sogno della sua casata.

L’amore non è parte della sua vita, se non per una piccola sfumatura che cogliamo con il passare dei capitoli. Ma Margaret si concentra su ben altro, nonostante sia una ragazza giovane che ha sofferto tanto e potrebbe desiderare un po’ di dolcezza nella sua vita. Non tentenna mai, anche quando gli avvenimenti sembrano soffiare contro di lei. La sua fede in Dio è incrollabile, credendo che la sua dinastia sia benedetta dal Signore e che ogni sua azione serva per uno scopo più grande. La sua famiglia diventa sempre più lontana da lei, con il passare degli anni e dei matrimoni combinati cui si deve sottoporre, ma il buon nome del suo casato rimane un chiodo fisso per lei.

Ogni capitolo del libro ci incuriosisce, perché cerchiamo di conciliare quello che conosciamo della storia con quanto ci è raccontato. Il periodo descritto è tumultuoso e pieno d’intrighi, alcuni aspetti sono rimasti misteriosi fino ai nostri giorni. Per questo l’interpretazione data dall’autrice s’incastra alla perfezione, rendendo magica la vicenda.

Consigliato a: chi vuole vedere la storia dal punto di vista di una ragazza potente.

Voto:
Stelle 4

Genere:
Storico
Titolo: La regina della rosa rossa
Autore: Philippa Gregory
Serie: La guerra dei cugini [2]
Lunghezza: 448 pagine
Edizione: Copertina flessibile
Ebook
Editore: Sperling & Kupfer

Goodreads

Io sono Helen Driscoll – [Richard Matheson]

Io sono Helen Driscoll

Trama: Tom Wallace conduce un’esistenza normalissima con la moglie Anne e il figlioletto Richard. Una sera, durante una festa in casa di amici, suo cognato Phil dichiara di poter compiere esperimenti di ipnotismo, privando le persone delle loro inibizioni; ed è proprio Tom, per quanto scettico, a essere scelto per una dimostrazione. Al termine della serata, però, scopre che la sua mente si è trasformata in un canale aperto, in grado di captare le onde telepatiche e di leggere nel pensiero delle persone a lui vicine. Tom inoltre entra in contatto con l’inquietante presenza di una giovane donna, uno spirito che sembra vivere in casa sua: Helen Driscoll. Ma chi è costei? E qual è il messaggio che i suoi occhi imploranti hanno per lui?

Un capolavoro di Richard Matheson, nel quale l’autore, in un crescendo di tensione e colpi di scena, fa irrompere l’inverosimile nella vita quotidiana, coinvolgendo il protagonista in una disperata lotta per non scivolare nel baratro della follia e per non perdere ciò che di più caro ha al mondo: l’amore per la sua famiglia.

La mia recensione
Mai sottoporsi all’ipnosi, soprattutto se i risultati possono essere inquietanti come si rivelano per il povero protagonista. Con delle percezioni del genere, avreste paura anche a toccare un semplice oggetto. Tom si ritrova così con la sua vita sconvolta da un semplice gioco, che gli mostrerà però alcuni dettagli sulle persone che lo circondano.

Il protagonista è un buon padre e un marito, ma il suo rapporto con la sua famiglia si complica capitolo dopo capitolo. Tenta di essere coraggioso, ma gli eventi che lo travolgono sono così fuori dall’ordinario che non riesce a opporsi al flusso che lo travolge. I poteri gli hanno aperto la mente e gli stanno mostrando degli aspetti della realtà che non immaginava neppure. La moglie è giustamente spaventata da quanto accade e teme per la vita del loro unico figlio. Tom però non farebbe mai nulla di male a loro, come sarà dimostrato in più di un’occasione.

La trama è molto accattivante, tenendoci sempre sul filo del rasoio. Ogni passo compiuto da Tom per respingere i suoi poteri si dimostra fallimentare e inconcludente. A ben vedere non ci sono solo lati negativi, poiché in più di un’occasione sono utili a impedire che avvenga una tragedia.

Il titolo del libro racchiude il mistero centrale della vicenda, che sarà compreso solo alla fine del libro. Helen Driscoll è come un fantasma, che compare nei momenti più bizzarri e sembra suscitare grande paura. Si capisce che vuole qualcosa, la sua presenza ha uno scopo ben preciso e non serve solo a infastidire la vita di Tom. Tutti gli indizi che ci sono forniti sembrano indicare che lei stia soffrendo. Ma come può Tom riuscire ad aiutarla se, ogni volta che usa i suoi poteri, il suo fisico soffre terribilmente e la sua mente si ribella a quello che percepisce?

Consigliato a: chi vuole provare dei brividi durante la notte.

Voto:
Stelle 4

Genere:
Horror
Titolo: Io sono Helen Driscoll
Autore: Richard Matheson
Lunghezza: 191 pagine
Edizione: Copertina rigida
Copertina flessibile
Editore: Fanucci Editore

Goodreads

Il codice Da Vinci – [Dan Brown]

Il codice Da Vinci

Trama: Una tranquilla notte parigina. Nulla traspare dalla classica e impenetrabile facciata del Louvre. Un dramma si sta consumando al suo interno, nella Grande Galleria.
Il vecchio curatore Saunière, ferito a morte, si aggrappa con un ultimo gesto disperato a un dipinto del Caravaggio, fa scattare l’allarme e le grate di ferro all’entrata della sala scendono immediatamente, chiudendo fuori il suo inseguitore.
A Saunière restano pochi minuti di vita. Si toglie i vestiti e si distende nella posizione dell’uomo di Vitruvio, il celebre disegno di Leonardo. Accanto a sé, scrive pochi numeri e un solo nome: Robert Langdon, uno studioso di simbologia.
A lui toccherà scoprire il mistero che si cela dietro i capolavori di Leonardo. Chi era il pittore rinascimentale? Cosa nascondeva? E, soprattutto, quali enigmi sconvolgenti nascondevano le sue opere?
L’America intera si è appassionata al thriller di Dan Brown, decretandolo scrittore dell’anno. Il suo romanzo ha spiegato a milioni di lettori perché, in definitiva, Monna Lisa sorride.

La mia recensione
Ritorna il professor Langdon con le sue indagini avvincenti e stravaganti. Stavolta il dramma da cui prende avvio la vicenda è l’omicidio del direttore del Louvre, ma il mistero ci trasporterà attraverso città diverse ed epoche passate. La verità cui tutti stanno dando la caccia sembra essere quasi evanescente, un mito degno del Santo Graal.

Il protagonista ci stupisce non sono con l’analisi dei simboli, ma anche con una discreta conoscenza delle opere d’arte. Il suo interesse è sempre rivolto a misteri che nessuno prima di lui ha affrontato, come se fossero una sfida irrinunciabile cui non sa resistere.

Stavolta nelle sue indagini sarà accompagnato da una donna che potrebbe tenergli testa. Sophie, infatti, è intelligente e colta, nutre un certo interesse per gli enigmi e indovinelli ed è coinvolta in prima persona nell’omicidio da cui prende avvio la vicenda. Ha un passato oscuro, che l’ha tenuta lontana dalla sua famiglia, ma con Robert riuscirà a svelare qualche dettaglio in più sulla sua vita.

Rispetto al libro precedente assistiamo a più scene in cui l’intelligenza è la chiave fondamentale per risolvere la situazione, a discapito dei momenti d’azione. Non c’è una vera e propria corsa contro il tempo, ma i personaggi devono comunque rimanere all’erta per riuscire a salvarsi da un assassino spietato. La contrapposizione tra il professore, che non usa mai la violenza ma cerca sempre una via d’uscita pacifica, e il nemico misterioso, pronto a usare qualunque mezzo pur di ottenere ciò che vuole, si fa sempre più marcata con il passare dei capitoli.

Il finale è un pochino stiracchiato, anche se si incastra con gli eventi che lo precedono. Infatti, ancora una volta Robert Langdon si dimostra superiore a tutti per intuito, cosa che non dovrebbe sorprenderci visto il libro precedente, ma il suo gesto finale sembra quasi in disaccordo con il personaggio che abbiamo conosciuto fino a un istante prima.

Consigliato a: chi vuole scoprire i dipinti di Leonardo sotto una nuova luce.

Voto:
Stelle 4

Genere:
Thriller
Giallo
Titolo: Il codice Da Vinci
Autore: Dan Brown
Serie: Robert Langdon [2]
Lunghezza: 528 pagine
Edizione: Copertina rigida
Copertina flessibile
Ebook
Editore: Mondadori

Goodreads

La svastica sul sole – [Philip K. Dick]

La svastica sul sole

Trama: Le forze dell’Asse hanno vinto la seconda guerra mondiale e l’America è divisa in due parti, l’una asservita al Reich, l’altra ai Giapponesi. Sul resto del mondo incombe una realtà da incubo: il credo della superiorità razziale ariana è dilagato a tal punto da togliere ogni volontà o possibilità di riscatto. L’Africa è ridotta a un deserto, vittima di una soluzione radicale di sterminio, mentre in Europa l’Italia ha preso le briciole e i nazisti dalle loro rampe di lancio si preparano a inviare razzi su Marte e bombe atomiche sul Giappone. Sulla costa occidentale degli Stati Uniti, i Giapponesi sono ossessionati dagli oggetti del folclore e della cultura americana, e tutto sembra ruotare intorno a due libri: il millenario I Ching, l’oracolo della saggezza cinese, e il best-seller del momento, vietato in tutti i paesi del Reich, un testo secondo il quale l’Asse sarebbe stato in realtà sconfitto dagli Alleati. La svastica sul sole racconta la Storia e le sue possibilità, la realtà e le riscritture, lo scontro culturale tra Oriente e Occidente, l’invasione della spiritualità nella vita quotidiana, il dramma morale di chi deve sopravvivere in un regime di sottomissione.

La mia recensione
Immaginate un mondo in cui l’esito della seconda guerra mondiale sia diverso da come lo conosciamo. L’autore ci catapulta così alla scoperta di come sarebbe la società moderna, seguendo alcuni personaggi nelle loro vite quotidiane. Il Giappone è la parte centrale della cultura descritta, poiché è la seconda potenza dominante dell’Asse. Le tradizioni descritte sono bizzarre per un occidentale, quasi senza senso. Per esempio il voler seguire i consigli di un oracolo per ogni azione quotidiana è una pratica così diffusa nel libro, ma appare astrusa e senza senso. I cerimoniali sono complicati e molto rigorosi, andando a ingabbiare i rapporti personali per seguire un rigido protocollo.

La parte sconvolgente è quella in cui è descritta la Germania e le azioni intraprese dopo la vittoria nella guerra. Veniamo a conoscenza di stermini e azioni tremende, attuate seguendo un piano ben preciso. Nessuno è a conoscenza dell’obiettivo finale, ma le varie voci che si susseguono permettono di capire che c’è una tensione quasi palpabile nell’aria. Le due potenze, che dovrebbero essere eguali, risultano invece su due livelli distinti. Da un lato abbiamo il Giappone, che sembra quasi essere più interessato a riformare le nazioni sconfitte, a riscoprire l’arte e le tradizioni di un tempo. La Germania invece insegue il progresso a tutti i costi, l’industria e la produzione costante di nuove tecnologie.

I protagonisti sono variegati tra loro, ma uniti da un filo conduttore che scopriremo capitolo dopo capitolo. Lentamente capiamo come la situazione stia peggiorando e che anni di vessazioni sulle nazioni sconfitte stanno per riversarsi su chi comanda. La rivolta sta iniziando grazie a un libro particolare, che sembra aprire la mente a chiunque lo legga e mostrare un futuro diverso. Il fatto di non arrendersi, rinunciare così alle proprie speranze, è l’insegnamento che ogni personaggio riuscirà a capire durante gli avvenimenti del libro.

Consigliato a: chi pensa che un singolo cambiamento del passato possa alterare completamente il futuro.

Voto:
Stelle 4

Genere:
Fantascienza
Titolo: La svastica sul sole
Autore: Philip K. Dick
Lunghezza: 316 pagine
Edizione: Copertina flessibile
Ebook
Editore: Fanucci

Goodreads

Cress – [Marissa Meyer]

Cress

Trama: Cress ha solo sedici anni e per gran parte della sua vita ha vissuto prigioniera o, come preferisce dire lei, “damigella in difficoltà” su un satellite in orbita nello spazio, dove gli unici contatti con l’esterno sono avvenuti tramite Internet. Ed è proprio attraverso la Rete che viene contattata dalla Rampion, la nave spaziale del capitano Carswell Thorne, sulla quale viaggiano anche Cinder, Scarlet e Wolf. Cress, infatti, negli anni di isolamento forzato è diventata una hacker eccezionale, e proprio per questo motivo pare l’unica speranza per mettere in atto il piano di Cinder e sconfiggere una volta per tutte la regina Levana e il suo terribile esercito prima che invadano la Terra. Per farlo, però, Cinder e i suoi devono prima di tutto liberare Cress. Peccato che, una volta approdati sul satellite in cui è imprigionata, il piano non vada esattamente come previsto. Dopo Cinder e Scarlet, Marissa Meyer ci regala un altro romanzo avvincente, il terzo della saga delle Cronache lunari, dove i colpi di scena si succedono in un mix perfetto di azione, humour e romanticismo. Ma soprattutto, ancora una volta, dà vita a un’eroina che i lettori difficilmente potranno dimenticare.

La mia recensione
Nuovo capitolo della saga di Cinder e compagni, in cui scopriamo un nuovo personaggio, corriamo tra la Luna e la Terra e ci inoltriamo sempre più nella lotta contro Levana. L’azione e i colpi di scena rimangono alti, ma stavolta abbiamo anche alcuni sviluppi politici. Nei libri precedenti, infatti, il centro dell’azione si sta allargando sempre di più, coinvolgendo tutta la Terra e le colonie lunari. Ogni volta che Cinder e i suoi compagni cercheranno di impedire l’ascesa al potere di Levana, il loro comportamento sarà analizzato da moltissime persone e avrà grandi ripercussioni.

Cinder sta cercando di capire il suo ruolo nello scenario politico e di scoprire i suoi poteri. Essere un cyborg e avere dei poteri la sconvolgono a tal punto che sta cercando a tutti i costi di trovare un nuovo punto di equilibrio. Lei dovrebbe assumere il ruolo di comandante dei ribelli, ma non è abituata a stare in primo piano per troppo tempo. Il suo rapporto con Wolf si solidifica proprio durante l’esplorazione dei suoi poteri e nel suo tentativo di imparare a combattere come si deve.

Gli altri ribelli sono un gruppo omogeneo, che però sta imparando a collaborare. Ogni individuo ha delle caratteristiche specifiche, che rendono l’intero gruppo molto pericoloso per i loro nemici. Devono solo riuscire a convivere tra loro, cosa che ogni tanto è particolarmente difficile. Carswell Thorne è quello che matura di più, considerando anche che metà libro è incentrato su di lui e sulla sua relazione con Cress. La ragazza è il nuovo inserimento nella squadra di Cinder, è la più giovane e si nota subito. Il suo comportamento è immaturo, anche perché non ha molta dimestichezza con le altre persone. Il suo contributo però è fondamentale alla riuscita delle prossime operazioni dei ribelli, poiché va a coprire un tassello mancante.

Preparatevi a una serie di avventure tra spazio e Terra, senza ormai esclusioni di colpi, perché la guerra contro Levana è ormai alle porte.

Consigliato a: chi vuole scoprire fin do può spingerci il coraggio.

Voto:
Stelle 4

Genere:
Fantasy
Titolo: Cress
Autore: Marissa Meyer
Serie: Cronache lunari [3]
Lunghezza: 446 pagine
Edizione: Copertina rigida
Ebook
Editore: Mondadori

Goodreads

La notte di Capodanno – [Josh Lanyon]

La notte di Capodanno

Trama: Dieci anni di telefonate senza risposta, dieci anni di sogni a occhi aperti. Ed ecco la sua nemesi, fermo davanti alla porta di casa proprio quando lui meno se lo aspetta. Ma cosa vorrà l’agente dell’FBI Robert Cuffe dopo così tanto tempo e soprattutto dopo il trattamento che gli ha riservato? Le sue prime parole sono taglienti, ma la voce profonda che Noel non ha mai dimenticato gli riporta subito alla mente quell’unica notte che hanno passato insieme, da amanti.

Ma ora che Robert sa, e soprattutto che lo ha trovato, Noel non può rischiare di perdere l’occasione di sedurlo un’altra volta. Forse, quest’anno, non ci sarà alcuna telefonata senza risposta la notte di Capodanno…

La mia recensione
Può un ladro, famoso e in grado di compiere dei furti spettacolari, cambiare veramente vita? Guardando la situazione attuale di Noel sembrerebbe di sì. Si è ritirato in montagna, dove si gode la pace e la tranquillità, nonché i guadagni delle sue attività passate. Ma a quanto pare non riesce a rilassarsi del tutto, poiché si è trasformato anche in uno scrittore di romanzi polizieschi. Come protagonista dei suoi romanzi, guarda caso, ha deciso di inserire un affascinante poliziotto, che ricorda molto da vicino Robert Cuffe, l’agente della FBI che gli ha dato la caccia per anni. Noel è in fondo un gran romantico: rubava ai ricchi, che poteva subire un furto senza andare sul lastrico e si era anche innamorato dell’agente incaricato di incastrarlo. Il suo più grande desiderio è riuscire ad avviare una relazione con Robert, ma l’idea di averlo utilizzato come personaggio dei suoi romanzi può aver pregiudicato ogni futuro insieme.

Robert è un personaggio abbastanza sorprendente. Sembra essere freddo e distaccato, ma si capisce subito che sta nascondendo qualcosa. Gioca a fare il misterioso, ma non vuole ferire Noel nonostante tutte le difficoltà che gli ha causato sul lavoro. Le basi per costruire un qualche tipo di rapporto ci sono, spetta solo ai due uomini riuscire a superare le incomprensioni reciproche.

La trama è ricca di avvenimenti, anche se il libro è veramente molto corto. In ogni caso l’atmosfera natalizia regna sovrana, grazie anche ad alcuni accorgimenti dell’autrice. Si sente un sentimento dolce nell’aria, che ci fa sperare in un lieto fine per questi due uomini un po’ testardi ma bisognosi d’affetto.

Consigliato a: chi vuole addolcire l’atmosfera delle feste.

Voto:
Stelle 4

Genere:
Romantico
Titolo: La notte di Capodanno
Autore: Josh Lanyon
Lunghezza: 66 pagine
Edizione: Ebook
Editore: HarperCollins Italia

Goodreads

Angeli e Demoni – [Dan Brown]

Angeli e Demoni

Trama: Marchiati a fuoco, prima di essere barbaramente uccisi ed esposti come monito per le strade di Roma. Questa è la sorte che toccava agli Illuminati, l’antica setta di scienziati perseguitata in secoli oscuri dalla Chiesa cattolica. Un rituale crudele, ben conosciuto da Robert Langdon, lo studioso di iconologia del “Codice da Vinci”. Ma quando la storia si ripresenta, il fascino si trasforma in raccapriccio. Svegliato in piena notte e trasportato dagli Stati Uniti in Svizzera, Langdon è costretto a esaminare, nei laboratori del CERN di Ginevra, un cadavere orrendamente mutilato. Sul petto della vittima, impresso a fuoco, il terribile segno degli Illuminati: lo scienziato ucciso ha difeso fino all’ultimo il segreto di un’arma sperimentale rubata dagli assassini.

La mia recensione
Il primo libro di questa serie ormai famosa è un mix interessante di mistero, indagini stravaganti e un po’ di storia antica. Il tutto spiegato da un professore, Robert Langdon, che sembra un provetto Indiana Jones per come riesce a risolvere gli intrighi.

Il protagonista riesce a tenere viva la nostra attenzione per tutta la trama, fornendo spiegazioni al momento giusto e tuffandosi a capofitto nell’azione quando serve. Sembra essere un pozzo inesauribile d’informazioni, con una cultura molto vasta, anche se ben specializzata. Il passato è la sua passione e riesce a trasmetterci la curiosità per l’arte in tutte le sue forme.

La storia di basa sul contrasto tra antico e moderno, dove alcuni misteri riescono ad arrivare intatti fino ai giorni nostri. L’autore ha preso spunto da uno dei periodi più intriganti del passato e lo ha arricchito di interpretazioni stravaganti. Ha creato così una setta assetata di sangue e pronta a tutto pur di ottenere il potere e la vendetta.

Alcuni luoghi citati sono tra i più visitati di Roma, invogliandoci a guardarli con maggiore attenzione alla ricerca dei particolari descritti nel libro. Questo è uno dei punti di forza del romanzo, che riesce a catturarci con le sue immagini evocative di grande impatto. Altra scelta che premia sicuramente la narrazione è l’idea della corsa contro il tempo, in cui il protagonista e i suoi amici sono uniti per salvare delle vite.

Il fatto che Robert Landon sia l’unico a riuscire a capire cosa stia succedendo lo fa apparire quasi come un supereroe. Considerando che è uno studioso, possiamo accettare questa sua superiorità intellettuale. L’alternativa è che i suoi compagni di avventura, nonostante siano ben costruiti, risultano passare un po’ in secondo piano. Sono relegati al ruolo di comparse, che forniscono dettagli o un aiuto solo nel momento di estremo bisogno del protagonista.

Consigliato a: chi è affascinato dagli Illuminati.

Voto:
Stelle 4

Genere:
Mistero
Titolo: Angeli e Demoni
Autore: Dan Brown
Serie: Robert Langdon [1]
Lunghezza: 562 pagine
Edizione: Copertina rigida
Copertina flessibile
Ebook
Editore: Mondadori

Goodreads

Il mistero del talismano perduto – [Karen Marie Moning]

Il mistero del talismano perduto

Trama: La porta sta per aprirsi, e non sarà la luce a venirti incontro ma la magia di un talismano dai poteri sconosciuti. Ombre oscure si avvicinano all’orizzonte, e una sola donna è in grado di dissiparle. Sei pronto a percorrere una strada disseminata di pericolo, sensualità e mistero? Da quando Mac ha scoperto di essere una veggente sidhe, la sua vita ha preso una piega del tutto inaspettata. E ora che la resa dei conti è inesorabile, di chi potrà fidarsi? Forse di un amuleto prezioso e antichissimo, che sembra proteggerla da sempre, oppure dello sfuggente Gerico? Tra piste false, esseri feroci, e la doppiezza di una realtà che non conosce pace, la giovane Mac dovrà tirare fuori tutto il suo coraggio, perché la sua caccia è appena iniziata e nulla potrà fermarla.

La mia recensione
Dublino e le sue strade sono davvero pericolose, soprattutto per qualcuno la nostra protagonista. Mac è sicuramente troppo esposta e con troppe poche informazioni per riuscire a sopravvivere. Deve riuscire a trovare più alleati possibili, ma è difficile riuscire a capire di chi si possa fidare realmente. La sua solarità e allegria diventano sempre più difficile da conciliare con la depressione che la circonda. I suoi poteri sono lenti nello svilupparsi, ma ogni giorno che passa aumenta la necessità di sapersi difendere.

Potrebbe contare sempre sulla protezione di Gerico, anche se il loro rapporto è a dir poco strano. Sembra che sia solo un legame di convenienza, in cui l’obiettivo finale è di trovare un libro maledetto. Allo stesso tempo gli sguardi che si scambiano lasciano intendere che potrebbe esserci qualcosa di più. Entrambi però sono bloccati da paure, nel caso di Mac, e qualcosa di misterioso, nel caso di Gerico.

Allo stesso tempo gli essere fatati, come per esempio V’Lane, stanno dimostrando sempre più interesse nei confronti della nostra protagonista. Qualunque cosa vedano in lei, sta lentamente sbocciando. Peccato che alcuni siano intenzionati a impedire che ciò avvenga. La domanda è: quanto potente potrà diventare Mac, una volta che avrà capito come controllare i suoi poteri come veggente sidhe?

La trama è sempre scorrevole e non perde mai colpi, lasciandoci senza fiato ogni volta. I momenti di riflessione di Mac sono sempre importanti perché ci permettono di capire cosa frulla in testa alla protagonista. Alcune sue scelte non sono sempre condivisibili, ma sono sempre in linea con il personaggio che stiamo imparando a conoscere. Gerico rimane sempre impenetrabile nella sua corazza ed è difficile da inquadrare. Non mi sento di inquadrarlo come un traditore, ma di sicuro è pericoloso.

L’autrice si diverte parecchio a tormentarci nel finale, con una conclusione a dir poco sconvolgente.

Consigliato a: chi vuole avventurarsi in territori oscuri e sconosciuti.

Voto:
Stelle 4

Genere:
Fantasy
Titolo: Il mistero del talismano perduto
Autore: Karen Marie Moning
Serie: Fever [2]
Lunghezza: 400 pagine
Edizione: Copertina rigida
Ebook
Editore: Leggereditore

Goodreads

Alleanza di Sangue – [Ariel Tachna]

Alleanza di Sangue

Trama: Un mago disperato e un vampiro disilluso e amareggiato possono trovare il modo di costruire un’alleanza che possa salvare il loro mondo?

In un mondo scosso da una guerra combattuta a colpi di magia, i vampiri sono considerati meno che umani, le tipiche creature della notte che, come nelle leggende, danno la caccia agli uomini. Ma all’inasprirsi dei combattimenti, i maghi capiscono di aver bisogno di un vantaggio che volga gli eventi in loro favore: la forza che i vampiri possono dare loro nella lotta contro i maghi oscuri, i quali cercano di distruggere la vita così come la conoscono.

Con una mossa azzardata, ma indice di buona volontà, i maghi chiedono al capo dei vampiri di incontrali, per perorare la loro causa. Un uomo disperato, Alain Maigner, e un vampiro amareggiato e disilluso, Orlando St. Clair, si incontrano a Parigi, e il destino del mondo dipenderà dalle loro decisioni: i vampiri si uniranno alla causa e formeranno un’alleanza con i maghi per vincere la guerra?

La mia recensione
Vampiri e maghi si incrociano in questa nuova avventura, in cui una guerra fa da sfondo allo sbocciare di una storia d’amore. La storia è strettamente incentrata sui due protagonisti, Alain e Orlando, quasi a scapito del resto della trama.

Scopriamo passo dopo passo il loro passato, che in entrambi i casi è costellato di dolore. Alain ha perso la sua famiglia, mentre Orlando non ha mai conosciuto qualcuno che gli volesse bene veramente. Insomma si tratta di due casi disperati, che non hanno molte speranze per il futuro, a cui però viene assegnata una missione molto difficile. Concludere un’alleanza con una fazione rivale è un momento molto delicato e l’averlo assegnato a questi due uomini avrebbe potuto essere un passo falso. Però pian piano scopriamo come Alain e orlando, nonostante le sofferenze delle loro vite, abbiano voglia di lottare per un futuro migliore.

Il loro primo incontro è costellato d’incertezza e diffidenza, anche perché entrambe le parti non si fidano completamente delle rispettive intenzione. Orlando però vede qualcosa di diverso in Alain, che riesce a fare breccia nel suo cuore. I primi passi della loro relazione sono molto difficili. In alcuni casi è Alain stesso che compie degli errori, un po’ per ignoranza e un po’ per poca delicatezza nei confronti dell’altro. Anche Orlando non è da meno nello sbagliare, ma entrambi riescono a soprassedere alle divergenze d’opinione.

E’ molto romantico vedere due personaggi che riescono a collaborare e a creare una storia d’amore dal nulla, nonostante tutte le difficoltà della loro situazione. La magia e il lato più paranormale non sono certo in secondo piano nella costruzione della trama, anche se è dato largo spazio ai sentimenti. I vampiri sono esplorati più a fondo dei maghi, su cui abbiamo poche informazioni. Il mistero delle creature notturne è reso più interessante della lotta interna tra maghi, nonostante questo sia il motivo scatenante del primo incontro tra i protagonisti.

Nei prossimi libri assisteremo sicuramente a un’evoluzione del loro rapporto e magari conosceremo meglio qualche altri personaggio.

Consigliato a: a chi pensa che un cimitero non possa far nascere una storia d’amore.

Voto:
Stelle 4

Genere:
Fantasy
Titolo: Alleanza di Sangue
Autore: Ariel Tachna
Serie: Alleanza di Sangue [1]
Lunghezza: 228 pagine
Edizione: Ebook
Editore: Dreamspinner Press

Goodreads

Il bacio più breve della storia – [Mathias Malzieu]

Il bacio più breve della storia

Trama: Parigi, una sera al Théâtre du Renard, l’orchestra suona It’s Now or Never. Una ragazza misteriosa e sfuggevole si aggira, lui la nota, cerca in ogni modo di avvicinarla e, quando ormai tutto sembra impossibile, si trovano faccia a faccia e si baciano. Un bacio minuscolo, il più breve mai registrato, e lei scompare. Invisibile, si allontana. Un mistero anche per un inventore come lui che, seppur di indole tendenzialmente depressa, è determinato a rivedere l’eterea e vulnerabile creatura che lo ha ammaliato. Inizia così una ricerca serrata in cui sarà affiancato da due bizzarri personaggi: un detective in pensione, che ha tutto l’aspetto di un orso polare, e il suo stravagante pappagallo. Le invenzioni si susseguono e qualcosa di molto goloso e originale aiuterà il protagonista nel suo scopo. Ormai è chiaro, fra i due è scoccata una scintilla, si è prodotto un cortocircuito. Ma in amore gli artifici non bastano, servono coraggio e temerarietà, doti che entrambi dovranno conquistare se vorranno trovarsi e abbandonarsi l’uno all’altra.
Riusciranno i due a superare ostacoli e paure e a vivere il loro amore?

La mia recensione
Una dolcissima storia d’amore, che parte da un bacio fugace fino ad arrivare a una coppia davvero innamorata.

Il nostro protagonista è alquanto strano: è un inventore, che vive in un mondo tutto suo. La sua ragazza lo ha lasciato e lui ne sta soffrendo molto. La cosa strana è come ne parla: non c’è mai un accenno diretto a quanto gli è successo, ma ci sono continui rimandi ai suoi sentimenti, spesso descritti con toni apocalittici. Si capisce che il nostro protagonista si lascia trascinare dalle sue emozioni, spesso senza rendersi conto della frenesia che riesce a generare. Peccato che se non riesca a trattenere tale entusiasmo a lungo andare, ma la tristezza e la depressione sembrano subito assalirlo di nuovo.

La sua vita viene movimentata proprio da una nuova ragazza, sconosciuta e scomparsa improvvisamente, che incuriosisce fin da subito anche noi. Ovviamente i toni della ricerca rimangono strampalati, ma siamo comunque trascinati in questa caccia alla ragazza fantasma. Lei la scopriamo poco a poco e a primo impatto non fa certo una bella impressione. Sembra essere timida e introversa, non molto interessata al nostro inventore per non rischiare di esporsi. E’ decisamente il personaggio che ho apprezzato di meno del libro, perché risulta troppo sfuggente. Non riesce a conquistarsi un briciolo di simpatia di parte nostra, anche perché si ha sempre il sospetto che nasconda qualcosa.

Lo stile dell’autore ricorda quello di Benni, con parole inventate e buffe. L’occhio critico ci porta a cogliere come ci siano alcune incoerenze nella trama, per esempio un protagonista con la memoria incredibile che non riconosce una voce, ma preferiamo concentrarci sulla parte più romantica.

In fondo essere corteggiate da un inventore stravagante, pronto a tutti pur di strappare un nuovo bacio, è davvero una bella favola da vivere.

Consigliato a: chi vuole rincorrere la propria anima gemella.

Voto:
Stelle

Genere:
Romantico
Titolo: Il bacio più breve della storia
Autore: Mathias Malzieu
Lunghezza: 103 pagine
Edizione: Copertina flessibile
Ebook
Editore: Feltrinelli

Goodreads