La signora dei fiumi – [Philippa Gregory]

La signora dei fiumi

Trama: Francia, 1430. Jacquetta di Lussemburgo è una dei discendenti dei duchi di Borgogna, la cui stirpe si dice abbia ereditato il dono della preveggenza dalla mitica capostipite Melusina, divinità del fiume, in grado di leggere il futuro nello scorrere delle acque. Jacquetta è poco più di una bambina quando viene data in sposa al duca di Bedford che, convinto dei suoi poteri divinatori, la introduce al misterioso mondo dell’alchimia. Ma il destino ha in serbo altro per lei: quando, all’età di diciannove anni, la duchessa si ritrova prematuramente vedova, sfidando qualunque convenzione si unisce in seconde nozze al ciambellano del marito, Richard Woodville, un giovane di belle speranze e di umili origini al quale già da tempo la legava un amore segreto e proibito.
Grazie all’ambizione di lui e al proprio fascino e carisma, in breve tempo Jacquetta conquista un posto di primo piano alla corte dei Lancaster. Ma sono anni turbolenti e sanguinosi: Jacquetta sente che la famiglia rivale, gli York capeggiati dal temibile duca Riccardo, si fa sempre più pericolosa e minaccia di distruggere l’intero regno. Jacquetta combatte per il suo re, per la sua regina e per sua figlia, Elisabetta Woodville, per la quale prevede un destino straordinario e inatteso: un capovolgimento di fortuna, il trono d’Inghilterra e la bianca rosa di York.

La mia recensione
Torniamo tra le eredi di Melusina, stavolta scoprendo la storia di Jaquetta, che dalla Francia approda in Inghilterra per seguire un marito più anziano e alquanto stravagante.

La ragazza, infatti, non sembra dare molto credito alle sue doti di preveggenza, ma è istruita a dovere dall’uomo che si trova a costretta a sposare. Tra alchimisti e sapienti dell’epoca Jaquetta scopre che la conoscenza può essere pericolosa se è tra le mani di una donna. Nel periodo in cui vive, non è possibile per una donna riuscire a farsi strada e a farsi rispettare come se fosse un uomo. Jaquetta è molto timorosa e non ha grandissime ambizioni, al contrario di sua figlia Elisabetta che sarà invece pronta a tutto pur di diventare regina.

Il suo primo matrimonio non si può dire felice, ma le permetterà di entrare in società e capire come muoversi a corte. Il secondo marito sarà invece il vero amore della sua vita, l’uomo per cui sarà pronta a tutto pur di vivere al suo fianco. Insieme avranno una marea di figli, la maggior parte destinata però all’anonimato.

Jaquetta sarà sempre presente alla corte del re, come dama di compagnia della regina Margherita d’Angiò e come sua confidente. Saprà districarsi tra gli intrighi di corte, le sommosse e le bizze della famiglia reale. Il suo comportamento sarà sempre fedele alla corona e ai Lancaster, cercando di fare in modo che la sua famiglia sopravviva senza troppe sofferenze. Il suo amore incrollabile per suo marito la accompagnerà per tutta la vita, tenendola così al riparo dagli scandali che invece saranno sussurrati alle spalle della regina. I suoi consigli non sempre saranno ascoltati, anche se si capisce che il suo intento è sempre volto a proteggere l’Inghilterra.

E’ una donna a suo modo coraggiosa, che crede fino in fondo nei suoi desideri e fa di tutto per cercare la felicità sua e di suo marito. La sua guida sarà poi fondamentale per sua figlia, per permetterle di sopravvivere nella corte reale senza cadere nelle trappole tese dai suoi nemici.

Consigliato a: chi non si fa mancare un pizzico di magia nella propria vita.

Voto:
Stelle 4

Genere:
Storico
Titolo: La signora dei fiumi
Autore: Philippa Gregory
Serie: La guerra dei cugini [3]
Lunghezza: 527 pagine
Edizione: Copertina rigida
Ebook
Editore: Sperling & Kupfer

Goodreads

Annunci

La figlia della foresta – [Juliet Marillier]

La figlia della foresta

Trama: Lord Colum di Sevenwaters ha generato sette figli: Liam, il leader naturale, l’avventuroso Diarmid, i gemelli Cormack e Conor, il ribelle Finbar e il compassionevole Padriac. Sarà tuttavia Sorha, l’unica figlia, la settima della nidiata, a difendere la propria famiglia e a proteggere la propria terra dai bretoni, nel momento in cui il padre e i fratelli rimangono vittime dell’incantesimo della perfida Lady Oonagh. Esiliata da Sevenwaters e rifugiatasi nella foresta, la giovane cade nelle mani dei suoi nemici e conosce l’amore…

La mia recensione
Anche se i primi capitoli non sono tra i più strepitosi, questa storia riesce a conquistarti per la forza e il coraggio della protaognista. Non condivideremo tutte le sue scelte, ma faremo il tifo per lei affinchè riesca a salvare la propria famiglia.

Sorha ha sempre vissuto nella foresta, circondata dai suoi fratelli che l’hanno sempre amata e protetta. Il padre non si è mai interessato molto a lei, forse per via della sua somiglianza con la madre, morta di parto. La sua vita cambia totalmente con l’arrivo della matrigna, che si rivela essere una creatura crudele e con poteri incredibili. La vita di s
Sorha infatti è sempre stata circondata dalla magia della foresta e del popolo fatato, ma stavolta dovrà affrontare un nemico subdolo e potente. Con il passare delle vicissitudini si rivela essere una ragazza coraggiosa e pronta a tutto pur di salvare i propri fratelli. Le difficoltà che dovrà affrontare sembrano insormontabili e spesso ho pensato che fosse sul punto di mollare tutto. Invece Sorha si è rivelata una protagonista tenace e in grado di suscitare le simpatie di chiunque.

I suoi fratelli, nonostante non siano marginali nella storia, non sono così ben caratterizzati come lei. Finbar è quello che mi aveva colpito di più rispetto agli altri. Era in grado di pensare con la sua testa, senza comformarsi a delle scelte ovvie per compiacere il padre. Purtroppo però con il passare dei capitoli la sua evoluzione non è stata del tutto piacevole. Diventa sempre più schivo e riservato, rinnega quasi i suoi doni per ricercare un’idea di felicità che però non condivide con il resto della famiglia.

Il viaggio che dovrà affrontare Sorha è complicato e i pochi indizi che ha sul suo futuro non sono rassicuranti. E’ soprattutto la paura dell’ignoto quella che penetra più a fondo. La ragazza infatti è in balia delle persone che incontra, senza alcun vero mezzo per difendersi. L’incontro che le cambierà veramente la vita sarà con un nemico giurato della sua famiglia, che le mosterà un mondo diverso da come le veniva descritto da suo padre. Sorha è l’unica in grado di poter conoscere le terre al di fuori della sua isola senza troppi pregiudizi. E sarà proprio lei a dover scegliere se fidarsi fino in fondo oppure rinnegare la gentilezza, e forse qualcosa in più, per respingere ancora una volta gli stranieri.

Consigliato a: a chi sogna un amore in grado di abbattere le barriere.

Voto:
Stelle 4

Genere:
Fantasy
Titolo: La figlia della foresta
Autore: Juliet Marillier
Serie: Trilogia di Sevenwaters [1]
Lunghezza: 607 pagine
Edizione: Copertina rigida
Copertina flessibile
Editore: Armenia

Goodreads

Un sentiero pericoloso – [Erin Hunter]

Un sentiero pericoloso

Trama: ArtigliodiTigre, il traditore, è il nuovo leader del Clan della Tenebra. Per il Clan del Tuono è uno shock e per StellaBlu l’ulteriore conferma che il Clan della Stella li ha abbandonati. Una presenza maligna nella foresta semina morte, paura, sospetti e rivalità tra i Clan. CuorediFuoco deve affrontare la minaccia più oscura e pericolosa, per proteggere il suo Clan e tutto quello in cui crede.

La mia recensione
Quante vicissitudini può sopportare ancora CuoreDiFuoco? Sembra, infatti, che per il clan del Tuono non ci sia fine al peggio. Li avevamo lasciati nello scorso libro alle prese con il fuoco devastante e le conseguenze di una leader senza più fiducia nel clan della Stella.

Ora il pericolo sembra essere ancora più tremendo: una minaccia sta serpeggiando nella foresta e i clan sembrano essere impreparati ad affrontarlo. CuoreDiFuoco sa che dovrà impegnarsi al massimo per riuscire a dar sopravvivere il suo clan e arginare il comportamento sconsiderato di StellaBlu. Ora che StellaDiTigre è diventato il capo del clan di Tenebra è molto più rischioso pattugliare i confini. Qualcosa però è riuscito a infiltrarsi nel loro territorio e sarà difficile riuscire a ricacciarlo via.

I gatti del clan si fidano sempre di più di CuoreDiFuoco, anche se il nostro protagonista questa volta deve inventare una via d’uscita, senza seguire le regole. Il codice guerriero, infatti, può essere d’aiuto nelle situazioni normali, ma stavolta bisogna affrontare una situazione davvero particolare. Ci vuole qualcuno in grado di pensare fuori dagli schemi e CuoreDiFuoco potrebbe essere il gatto giusto.

Le sfide continue degli altri clan e i sotterfugi di StellaDiTigre sembrano portare scompiglio tra i ranghi del clan del Tuono. Le litigate purtroppo sono all’ordine del giorno, ma per CuoreDiFuoco gli scontri con TempestaDiSabbia sono i più brutti. Lui non vorrebbe creare altre tensioni con la gatta, ma allo stesso tempo deve poter prendere delle scelte difficili. Chiedere consiglio diventa sempre più difficile, perché significherebbe mostrare la debolezza della leader e le difficoltà interne.

Devo ammettere che rispetto agli altri libri ho trovato più emozioni contrastate da parte di CuoreDiFuoco. Si avverte che ha abbracciato fino in fondo la dottrina dei clan selvatici. Rimane sconcertato quando altri gatti, nati e cresciuti nella foresta, sono sfiduciati verso il clan della Stella. Che sia un nuovo passo verso la maturazione del nostro protagonista?

Consigliato a: chi non ha paura ad affrontare l’ignoto.

Voto:
Stelle 4

Genere:
Fantasy
Titolo: Un sentiero pericoloso
Autore: Erin Hunter
Serie: Warrior Cats [5]
Lunghezza: 250 pagine
Edizione: Copertina flessibile
Ebook
Editore: Sonda Editore

Goodreads

Vento nero – [Clive Cussler]

Vento nero

Trama: Dirk Pitt ha deciso di accettare la dirigenza della NUMA, la più importante agenzia di ricerca e recupero sottomarino di cui possano disporre gli Stati Uniti, e insieme al suo vecchio amico e compagno di avventure Al Giordino si trova nelle Filippine per controllare strani fenomeni sottomarini quando cominciano ad accadere avvenimenti preoccupanti: nelle isole Aleutine si verifica una strana moria di animali e uomini. Alcuni scienziati sembrano colpiti da un virus, un virus diffuso nell’aria da qualcuno che stia eseguendo una prova generale per un disastro di proporzioni mai viste.
Nella zona si trova Dirk Jr, figlio di Pitt e nuova punta di diamante della NUMA, assieme alla sorella gemella Summer. Saranno loro, con l’aiuto di un simpatico e misterioso personaggio, a rintracciare l’origine del complotto… sul fondo del mare, dove dai tempi della seconda guerra mondiale è rimasta celata un’arma micidiale che qualcuno, a Oriente, è convinto di poter usare contro l’America, ma rendendola cento volte più terrificante con il potere delle moderne tecnologie.

La mia recensione
Con due Dirk Pitt pronti a tutti pur di salvare il mondo, ecco che le avventure di questa serie stanno per diventare ancora più intriganti. I cattivi sono sempre spietati, ma stavolta la nostra banda di eroi ha qualche risorsa in più per fronteggiarli.

Anche se l’ammiraglio Sandecker ora non lavora più per la NUMA, non vuol dire che ha dimenticato i suoi colleghi. Essendo il vice presidente degli Stati Uniti può spingere per fondi o far autorizzare azioni di salvataggio. Dirk Pitt senior ovviamente ha abbastanza carisma per riuscire a ottenere ciò di cui ha bisogno, ma un aiuto aggiuntivo non fa mai male. Il fatto che il nostro protagonista adesso abbia anche una famiglia cui pensare non vuol dire che sia pronto a un lavoro dietro una scrivania. Il nostro Dirk, per quanto non più giovanissimo, è sempre pronto all’avventura e a salvare il mondo. I suoi stessi figli si accorgono di quanto sia disposto a sacrificare per la sicurezza del suo paese, con coraggio e un pizzico di spericolatezza.

Dirk Pitt junior invece ci mostra un lato diverso del suo carattere. Al contrario del padre risulta più impulsivo, cacciandosi nei guai a volte senza un piano alternativo. Risulta molto attraente e riesce a far cadere ai suoi piedi le ragazze con facilità, ma al contrario del padre non ci sentiamo trascinati dalle sue conquiste. Anche sua sorella non mi ha convinto del tutto. È’ descritta come intelligente e appassionata del mare, ma nei momenti critici non dimostra abbastanza sangue freddo. Si abbandona sempre al fratello, quasi aspettando di essere salvata. La sua bellezza è sempre sfruttata per distrarre gli avversari, diventando così l’unica arma che può usare la ragazza.

Anche stavolta ci ritroviamo con un nemico che viene da oriente. I russi sembrano aver abbandonato i loro intenti di rivalsa verso gli americani, ma al loro posto troviamo degli spietati industriali pronti a tutti pur di distruggere l’occidente. Al contrario degli episodi precedenti però non avremo un mistero parallelo da risolvere. Peccato perché in fondo erano una parte entusiasmante della trama.

Consigliato a: chi non si arrende mai, neanche nelle situazioni più disperate

Voto:
Stelle 4

Genere:
Avventura
Titolo: Vento nero
Autore: Clive Cussler
Serie: Le avventure di Dirk Pitt [18]
Lunghezza: 540 pagine
Edizione: Copertina rigida
Copertina flessibile
Ebook
Editore: Longanesi

Goodreads

Mi ricordo di te – [Yrsa Sigurðardóttir]

Mi ricordo di te

Trama: Il villaggio di Hesteyri nei mesi invernali è disabitato e quasi irraggiungibile. L’unico contatto con il resto dell’Islanda è un traghetto perennemente in balia del vento e del mare. In questo luogo desolato, tre giovani provenienti dalla capitale hanno deciso di ristrutturare una casa per trasformarla in un albergo. Ansiosi di mettere a frutto il loro investimento, si sono arrischiati a viaggiare fino a Hesteyri nel periodo più freddo per mettere mano ai lavori. Il piccolo gruppo presto si rende conto che non solo la ristrutturazione è molto più difficile del previsto, ma anche che sul villaggio deserto aleggia un’atmosfera sinistra. I telefoni cellulari si scaricano senza motivo e una presenza indistinta sembra seguirli, lasciando tracce che suggeriscono un messaggio indecifrabile. Impossibilitati a comunicare con l’esterno, i tre possono solo aspettare che il traghetto torni a prenderli nella data stabilita, mentre la tensione tra loro continua a crescere. Negli stessi giorni Freyr, uno psichiatra, sta aiutando la polizia nell’indagine su un caso di vandalismo in una scuola. La vita dell’uomo è cambiata da quando suo figlio Benni è misteriosamente scomparso tre anni prima; una tragedia che lo ha gettato nello sconforto e ha distrutto il suo matrimonio. Nel corso dell’indagine Freyr risale a un altro atto vandalico compiuto nella medesima scuola cinquant’anni prima, lo stesso periodo in cui un giovane allievo è svanito senza lasciare tracce: un caso fin troppo simile a quello di Benni e che sembra affondare le sue radici nel remoto villaggio di Hesteyri… Yrsa Sigurdardóttir, la regina del thriller islandese, intesse due vicende parallele per creare un mondo inquietante che mina le certezze del lettore; dove ogni personaggio nasconde un segreto, dove la paura è in agguato nelle strade deserte e nel rumore delle onde.

La mia recensione
Tra la neve e il freddo, la comparsa di presenze inquietanti non riscalda di certo l’atmosfera. Soprattutto quando iniziano a scomparire delle persone e gli incidenti si susseguono uno dopo l’altro.

La storia si divide tra due trame parallele, in cui i vari personaggi sembrano non avere niente a che fare gli uni con gli altri. Abbiamo, infatti, il terzetto che vuole ristrutturare una vecchia casa e il padre divorziato, il cui figlio scomparso senza lasciare traccia ha lasciato un vuoto incolmabile. Capiamo subito che però ci sono alcuni fatti singolari che stanno unendo la sorte di queste persone. Si va dalle risate infantili che risuonano nei corridoi, alle porte che si aprono da sole agli oggetti che scompaiono. Fino a quanto la vita delle persone non inizia a essere minacciata non ci sembra che la loro situazione sia disperata.

Il problema fondamentale, per quanto riguarda il terzetto, è quello di aver deciso di andare su un’isola isolata dal resto del mondo, senza elettricità e in pieno inverno. Si può ben capire come questa scelta non sia delle più felici, soprattutto se si considera che il precedente proprietario sia scomparso senza lasciare traccia. Quando i “incidenti” iniziano a costellare il loro soggiorno, i tre personaggi si lasciano in parte prendere del panico, ma allo stesso tempo cercano di affrontare la situazione. Per loro in fondo si tratta solo di un ragazzino che forse sta facendo degli stupidi scherzi.

Come la loro storia si colleghi alla trama del padre divorziato è uno dei misteri che scopriremo con il passare dei capitoli. Anche in questo caso inizialmente non sembra esserci una presenza inquietante che sta per sconvolgere le vite di tutti. L’uomo, infatti, nonostante la tragedia che gli ha sconvolto la vita, sembra riuscire a tirare avanti. Il suo lavoro lo porta in contatto con le persone con problemi mentali, che gli apriranno gli occhi su alcuni fatti strani che gli stanno capitando negli ultimi giorni.

La tensione rimane alta in tutto il romanzo, perché noi riusciamo a capire che effettivamente c’è qualcosa che non va. Una presenza maligna si sta addensando e le sorti dei protagonisti sembrano essere in rotta di collisione e non potranno di certo uscirne vincitori. Il finale forse è un po’ troppo precipitoso e, secondo me, è lasciato volutamente aperto per consentire un eventuale seguito.

Consigliato a: chi non ha paura delle case abbandonate.

Voto:
Stelle 4

Genere:
Horror
Titolo: Mi ricordo di te
Autore: Yrsa Sigurðardóttir
Lunghezza: 320 pagine
Edizione: Copertina flessibile
Ebook
Editore: il Saggiatore

Goodreads

Il giardino dei nuovi inizi – [Nora Roberts]

Il giardino dei nuovi inizi

Trama: Lo storico albergo di Boonsboro, nel Maryland, ha visto succedersi guerre e momenti di pace, periodi prosperi e tempi difficili, ha cambiato gestione in diverse occasioni e si è persino vociferato che fosse infestato dai fantasmi. E ora nuovi cambiamenti sono in vista…
Non solo perché i fratelli Montgomery e la loro eccentrica madre hanno deciso di ristrutturarlo, ma anche perché il nuovo progetto coinvolgerà le vite di molti… Un’ondata di sorprese travolgerà l’intera cittadina, e quando un tocco di rosa si affaccia all’orizzonte, portando una ventata di novità, nessuno dei tre fratelli verrà risparmiato.
Ma c’è un altro progetto in cui Beckett Montgomery si è gettato a capofitto: fare innamorare la donna che sta aspettando di baciare da quando aveva quindici anni..

La mia recensione
Preparatevi per una lenta seduzione durante la ristrutturazione di un albergo con camere incentrate sulle coppie più famose della letteratura. Come se non bastasse questa alta dose di dolcezza, ci mette lo zampino anche un fantasma alquanto bizzarro.

Troviamo tre fratelli, uno più bello e in gamba dell’altro, che stanno portando avanti una ristrutturazione incredibile. Un vecchio albergo al centro del paese è il loro obiettivo e sono pronti a tutti pur di renderlo accogliente e confortevole. La cosa particolare è che già nelle prime pagine si avverte la presenza di un fantasma, una donna che sembra sorvegliare i loro lavori. Non è maligna o dispettosa, ma sembra solamente un’osservatrice, quasi a volersi accettare che l’albergo possa tornare allo splendore di un tempo.

Il protagonista di questo primo libro è Beckett, l’architetto del gruppo. La sua supervisione dei lavori è affiancata dal lento corteggiamento che sta facendo a Clare. La donna è stata la prima ragazza di cui si era innamorato ai tempi del college. Il suo amore è rispettoso, sa che Clare è una donna indipendente, essendo madre di tre ragazzi e vedova di un militare. Ma al tempo stesso vorrebbe farle capire che può fidarsi di lui, poiché vuole solo starle a fianco e sostenerla nel momento del bisogno.

Beckett ha un rapporto stretto con gli altri due fratelli. Insieme si sono immersi nella ristrutturazione e, piccole litigate a parte, sono pronti ad aiutarsi sempre. La madre mi è sembrata un po’ distante, non tanto sul piano affettivo, ma quanto sulla vita di tutti i giorni. Tende a inseguire i suoi sogni, senza pensare al carico di lavoro aggiuntivo cui sta sottoponendo i suoi figli. Tutti sono abituati a questo suo modo di agire, ma credo che sarebbe stato più utile se qualcuno avesse tentato di fermarla almeno una volta.

La storia d’amore scorre lenta e delicata, fatta d’incontri fugaci, piccole incomprensioni, ma anche grandi gesti d’amore. Beckett si dimostra sempre paziente e disponibile, aiutando Clare con i suoi figli ma senza essere invadente. Come si fa a non accettare un uomo del genere al proprio fianco?

Consigliato a: chi vuole un compagno dolce e premuroso al proprio fianco.

Voto:
Stelle 4

Genere:
Romantico
Titolo: Il giardino dei nuovi inizi
Autore: Nora Roberts
Serie: Boonsboro Hotel [1]
Lunghezza: 356 pagine
Edizione: Copertina flessibile
Ebook
Editore: Leggereditore

Goodreads

Accade a Natale – [Sarah Morgan]

Accade a Natale

Trama: Questo Natale, Tyler O’Neil, ex campione di sci, affascinante rubacuori e papà single ha una sola missione: regalare a sua figlia Jess il miglior Natale della sua vita. Il fatto che la sua migliore amica, Brenna, bella e sexy da morire, sarà temporaneamente ospite del suo chalet allo Snow Crystal Resort, al completo per le feste, è una deliziosa distrazione che lui deve assolutamente ignorare. L’amicizia che lo lega a Brenna, infatti, è forse l’unica relazione che non ha ancora rovinato. E non ha alcuna intenzione di farlo adesso. Brenna è da sempre innamorata di Tyler e stargli così vicino si rivela una vera tortura: come può concentrarsi nell’essergli solo amica quando lui dorme nella stanza di fianco? E’ possibile che in questo magico Natale i suoi sogni possono finalmente diventare realtà?

La mia recensione
L’ultimo dei fratelli O’Neil ancora single ci regala un nuovo episodio romantico di questa serie. Tra sciate sulla neve fresca e tentativi di seduzione con biancheria di pizzo, riusciamo a farci trascinare in una nuova avventura tenera e frizzante.

Tyler è il più sportivo dei tre fratelli, la sua vita è legata alla neve e alla montagna. Non ha mai avuto la stessa donna per più di una notte e adesso si ritrova a fare da padre alla figlia adolescente. Peccato che nel suo cuore sia sempre presente il volto di Brenna, la sua amica d’infanzia, che adesso lavora con lui allo Snow Crystal. Nonostante entrambi professino di voler solo un’amicizia e nulla più, l’attrazione è forte a ogni scambio di battute.

Brenna è purtroppo molto insicura, per un’adolescenza costellata di bullismo e prese in giro costanti. Il suo amore per Tyler dura da sempre, ma si è convinta che non potrà mai averlo. Non prova neanche a sedurlo, perché ha visto il genere di ragazze con cui di solito si circonda. Lei preferisce l’abbigliamento da montagna alle gonne vertiginose completate da tacchi a spillo, per questo motivo non crede che Tyler l’abbia mai notata.

Complice un Natale alle porte che sembra portare una ventata di turisti nuovi per il resort, dovranno riuscire a convivere senza cedere alla tentazione di baciarsi. Oppure potrà essere l’inizio di una nuova vita insieme, in cui entrambi si lasciano andare ai sentimenti. Il resto della famiglia O’Neil sembra fare tifo per loro, alcuni in modo proprio plateale, perché è innegabile che questa coppia sia perfetta come le precedenti.

L’inverno e la neve sono lo scenario perfetto per la trama di questa serie. La montagna diventa romantica e magica, con il silenzio dei boschi pronto ad accogliere una nuova dichiarazione d’amore. E’ quasi un peccato che sia l’ultimo libro della serie, perché avrei letto volentieri altre avventure di queste tre coppie.

Consigliato a: chi immagina una dichiarazione romantica sulla neve.

Voto:
Stelle 4

Genere:
Romantico
Titolo: Accade a Natale
Autore: Sarah Morgan
Serie: Fratelli O’ Neil [3]
Lunghezza: 297 pagine
Edizione: Copertina flessibile
Ebook
Editore: Harlequin Mondadori

Goodreads

Prima della tempesta – [Erin Hunter]

Prima della tempesta

Trama: Da quando è stato nominato vice del Clan del Tuono, CuorediFuoco è sempre più sotto pressione: deve organizzare la vita nel campo e prendersi cura dei compagni, anche di quelli che non rispettano la sua autorità.
I pensieri di CuorediFuoco si fanno più tormentati di giorno in giorno, mentre la foresta è nel pieno della stagione delle foglie verdi e l’aria carica di elettricità. Una tempesta in arrivo o un evento che cambierà il destino di tutti i gatti della foresta?

La mia recensione
Stavolta CuoreDiFuoco è alle prese con qualche novità: una gatta inizia a fargli battere forte il cuore e suo nipote è pronto a cominciare l’apprendistato. In aggiunta, il tradimento di ArtiglioDiTigre ha dato un vello scossone all’intero clan.

La sua posizione di vice fa si che tutti si rivolgano a lui per l’organizzazione delle battute di caccia e delle pattuglie, aggiungendo un nuovo carico di responsabilità sulle sue spalle. Non sfugge però ai suoi incarichi, ma si impegna ogni giorni per riuscire a dimostrare di essere degno della nomina. Riesce a capire di aver bisogno di consigli e, non ricevendoli da StellaBlu, capisce che alcuni gatti del clan sono dalla sua parte. I legami che riesce a formare, anche se sono delle semplici alleanze per il bene della comunità, potranno essergli utili per il futuro. In fondo con la partenza di StrisciaGrigia, CuoreDiFuoco iniziava a diventare troppo solitario e a rimanere perso nei suoi pensieri.

Ammetto di aver odiato in diverse occasioni StellaBlu, per il suo comportamento assente e per gli sbalzi d’umore tremendi. Al posto di essere una guida per il resto dei gatti, si rifugia nella sua tana e si disinteressa della vita comune. Il suo comportamento ovviamente incide sull’umore di tutti, nonostante i tentativi di CuoreDiFuoco di arginare il malumore. La crescita dei nuovi apprendisti, tra cui il nipote del protagonista, è così affidata interamente al resto del clan. C’è da dire che ZampaDiNuvola non è tra i mici che ho apprezzato di più della serie, ma forse potrebbe trarre beneficio dalla presenza di un leader forte e coraggioso che guida il suo clan.

Come al solito abbiamo un finale esplosivo, che potrà avere un impatto tremendo per il proseguimento della serie.

Consigliato a: chi segue sempre le tradizioni.

Voto:
Stelle 4

Genere:
Fantasy
Titolo: Prima della tempesta
Autore: Erin Hunter
Serie: Warrior Cats [4]
Lunghezza: 251 pagine
Edizione: Copertina rigida
Ebook
Editore: Edizioni Sonda

Goodreads

Hollow City: Il ritorno dei bambini speciali di Miss Peregrine – [Ransom Riggs]

Hollow City: Il ritorno dei bambini speciali di Miss Peregrine

Trama: Chi è Jacob Portman? Un ragazzo qualunque finito dentro un’avventura più grande di lui, o un predestinato, uno Speciale dai poteri prodigiosi, abilissimo investigatore dell’ombra e cacciatore di mostri terrificanti? Nessuno lo sa. L’unica cosa certa è che sembrano trascorsi secoli dal giorno in cui la misteriosa morte del nonno lo ha spinto a indagare sul suo passato, catapultandolo sull’isoletta di Cairnholm, al largo delle coste gallesi. È qui che si imbatte nella bizzarra e affascinante combriccola dei Bambini Speciali: creature dotate di poteri curiosi e irripetibili, membri superstiti di una stirpe meravigliosa, obbligati, per sfuggire alla persecuzione di un mondo ottusamente Normale, ad affidarsi alle inflessibili cure di Miss Peregrine, la donna-uccello in grado di manipolare il tempo. Ma ora che Miss Peregrine è ferita e non riesce a ritrovare le proprie sembianze umane, i Bambini Speciali e Jacob saranno costretti a vedersela da soli con coloro che minacciano di distruggerli usurpando la loro stranezza e dovranno abbandonare l’eterno presente in cui hanno vissuto per avventurarsi nel mondo reale.

La mia recensione
Jacob deve essere pronto a diventare un eroe come suo nonno, perché i ragazzi Speciali si trovano in un mare di guai. Con la guerra che infuria, sono costretti a compiere un viaggio pericoloso per riuscire a salvarsi.

Per quanto ognuno di loro abbia dei poteri incredibili, si trovano impreparati ad affrontare la guerra e la gente al di fuori del loro Anello. Anche se dovrebbero essere più vecchi di quello che appaiono, in realtà nonostante gli anni passati non sono riusciti a crescere. Sono sempre dei ragazzini spaventati, che si trovano privati dell’unica persona che li ha sempre protetti. Sanno che i pericoli che li aspettano sono tanti e ignoti, ma la guerra che si trovano di fronte è in realtà uno scenario tremendo. Fino a un momento prima per loro non era niente altro che una conoscenza remota, che non li avrebbe mai sfiorati.

Anche Jacob sa che Londra e l’intera Inghilterra non è un luogo sicuro, visto i tempi che corrono. Ma al momento si trova incastrato nel passato e non riesce ad abbandonare i suoi nuovi amici, anche se non brilla certo di coraggio. Ebbene sì, il nostro protagonista si troverà più volte a pentirsi della sua scelta di rimanere con gli Speciali. In fondo però si riesce ad apprezzare di più questo ragazzino, perché chiunque nella sua posizione si comporrebbe nello stesso modo.

I suoi sentimenti per Emma sono sempre presenti, anche se per questo è preso in giro. Però Jacob non rinnega mai il suo cuore, anche se a volte si trova in difficoltà per il comportamento della ragazza. Emma vuole a tutti i costi mantenere la facciata di “capo”, in grado di affrontare qualsiasi situazione di pericolo. Ma stavolta la prova che deve superare è più difficile di quanto lei immagini.

L’avventura è ancora una volta ben descritta, con la giusta dose di poteri che non stravolge troppo le vicende. Scopriamo anche qualcosa in più sui Vacui e sulla loro minaccia che sembra incombere sul mondo intero. Il ritmo riesce a trascinarsi per i vari capitoli, seguendo Jacob e facendo il tifo per lui, sperando che capisca quanto può essere importante gli altri.

Consigliato a: chi non ha paura se ha al suo fianco i suoi amici.

Voto:
Stelle 4

Genere:
Fantasy
Titolo: Hollow City: Il ritorno dei bambini speciali di Miss Peregrine
Autore: Ransom Riggs
Serie: La casa per bambini speciali di Miss Peregrine [2]
Lunghezza: 426 pagine
Edizione: Copertina rigida
Ebook
Editore: Rizzoli

Goodreads

Montedidio – [Erri De Luca]

Montedidio

Trama: “Chi salirà nel monte di Dio? Chi ha le mani innocenti e il cuore puro.” Un quartiere di vicoli a Napoli: Montedidio. Un ragazzo di tredici anni va a bottega da Mast’Errico, il falegname. È l’inizio della sua vita nuova, la vita che a sera, a casa, in una casa vuota per l’assenza del padre e per la malattia della madre, il ragazzo va scrivendo su una bobina di carta avuta in regalo dal tipografo di Montedidio. Ha anche un altro regalo, che porta sempre con sé, un “bùmeran”, un legno nato per volare che il padre ebbe a sua volta da un marinaio di passaggio. Così passano i giorni: Mast’Errico gli insegna il mestiere e Don Rafaniello, uno scarparo che Mast’Errico tiene ospite a bottega, gli insegna a pensare sugli uomini e sulle cose.

La mia recensione
Una storia veloce di grande impatto, che ci porta nei vicoli di Napoli per assistere alla maturazione di un ragazzino di tredici anni, catapultato nel mondo dei grandi. Tra l’imparare il primo mestiere e la scoperta dell’amore, il protagonista dimostrerà la vita di quartiere.

Il primo impatto che abbiamo è che il giovane sia un grande lavoratore, pronto a seguire gli ordini del suo maestro di bottega per dimostrare la sua utilità in casa. Il suo rapporto con i genitori è abbastanza strano: lo trattano come un ometto, l’unico della famiglia che ha imparato l’italiano e che forse potrà avere una vita migliore. Il protagonista invece si trova a suo agio a Montedidio, tra i suoi vicoli e la sua gente e non cambierebbe la sua posizione.

Nella sua stessa bottega incontra però un personaggio molto importante per la sua crescita interiore. Don Rafaniello è chi gli insegna a capire la gente. Con i suoi gesti di altruismo e gentili, è sempre disposto ad ascoltare tutti e riesce a capire ciò che non è espresso a parole. Insegna al protagonista a sognare, a credere in qualcosa oltre alla realtà misera che lo circonda. La sua presenza è rassicurante e infonde una dose di coraggio e fiducia al ragazzo.

La situazione familiare tende a precipitare in poco tempo, ma a fianco del protagonista comparirà una ragazzina che gli insegnerà cosa vuol dire l’amore. Maria è una sua coetanea, che però ha sofferto molto a causa dei debiti dei suoi genitori. Lei riconoscerà nel protagonista una sorta di protettore, in grado di salvarla dal padrone di casa. Formeranno una specie di famiglia, andando a vivere insieme a casa del ragazzo, nonostante il parere contrario dei pochi adulti ancora presenti nella loro vita.

La storia del protagonista evolve e s’intreccia con quella degli altri personaggi fino alla notte di Capodanno, quando assisteremo a un turbinio di eventi che gli cambieranno per sempre la vita.

Consigliato a: chi vuole scoprire uno scorcio di Napoli.

Voto:
Stelle 4

Genere:
Scrittori moderni
Titolo: Montedidio
Autore: Erri De Luca
Lunghezza: 144 pagine
Edizione: Copertina flessibile
Editore: Feltrinelli

Goodreads