Pagine Future #21 – 2018

Nuove uscite da leggere nei prossimi mesi

ShadowsongL'emporio dei piccoli miracoli Codice ExcaliburLa madre bugiarda

Shadowsong
Shadowsong di S. Jae-Jones
Perchè leggerlo: può una musica struggente cambiarti la vita?
Pubblicato il: 29 Novembre 2018
Genere:FantasyGoodreads
L'emporio dei piccoli miracoli
L’emporio dei piccoli miracoli di Keigo Higashino
Perchè leggerlo: come cambiare il passato attraverso delle lettere.
Pubblicato il: 20 Novembre 2018
Genere:NarrativaGoodreads
Codice Excalibur
Codice Excalibur di James Douglas
Perchè leggerlo: la leggenda di re Artù viene riportata ai giorni nostri.
Pubblicato il: 15 Novembre 2018
Genere:StoricoGoodreads
La madre bugiarda
La madre bugiarda di Colette McBeth
Perchè leggerlo: una madre è pronta a tutto per proteggere il proprio figlio.
Pubblicato il: 06 Novembre 2018
Genere:ThrillerGoodreads
Annunci

Sulle note del tempo – [Josh Lanyon]

Sulle note del tempo

Trama: Griff Hadley, reporter di cronaca nera, non riesce a dimenticare la vicenda del rapimento e della scomparsa, vent’anni prima, del piccolo Brian Arlington. Si pensa che sia morto, ma il corpo non è mai stato ritrovato. Griff decide di scrivere un libro sulla vicenda e sorprendentemente riesce a ottenere il permesso di soggiornare a Winden House, residenza degli Arlington. La sua presenza, però, sembra suscitare sentimenti contraddittori sia nei componenti della famiglia, che non gradiscono l’idea di dare in pasto al pubblico la propria vita, sia nel legale che li rappresenta, Pierce Mather, convinto che le intenzioni di Griff non siano limpide come lui afferma. Ma in quel mondo artefatto in cui ricchezza, gelosia e falsità vanno a braccetto, nulla è come sembra e così Pierce e Griff si ritrovano a combattere la stessa battaglia e a scoprire un’assurda verità. Perché il tempo, pur avendo sbiadito i ricordi, nulla ha potuto contro i sentimenti, rimasti inalterati come le note di Stranger on the shore che continuano ad aleggiare nel giardino della villa.

La mia recensione
Misteri sepolti nel passato, cospirazioni tra ricchi per non perdere la propria fetta di eredità e una nota romantica rendono questa nuova avventura di Josh Lanyon molto affascinante. Il protagonista, Griffin, non brilla certo per perspicacia o per intelligenza, ma dimostra una passione e una dolcezza uniche.

Il suo obiettivo è quello di scrivere un libro, per riuscire a dimostrare il proprio valore non solo come giornalista. La scelta sulla storia su cui indagare gli stravolgerà la vita. Alcuni misteri che circondano la famiglia degli Arlington non sono pronti per essere svelati, anche perché ci sono molti soldi in ballo per l’intera eredità. Griffin sa che rivangare il passato può essere doloroso, ma non ha idea che si ritroverà coinvolto in un’indagine molto particolare.

Al suo fianco potrà contare sulla collaborazione dell’avvocato Pierce, anche se il loro rapporto è più basato su uno scambio di opinioni alquanto acceso. Pierce è un uomo tutto d’un pezzo, abituato a vivere la sua vita tenendo tutto sotto controllo. Ci sono alcuni punti oscuri sul suo passato che hanno minato la fiducia che potrebbe avere in un eventuale compagno, ma forse la presenza di Griffin può aiutarlo ad aprirsi.

La famiglia Arlington non è proprio un vero baluardo dell’unità tra i vari membri. Ognuno sembra intenzionato a far valere i propri diritti e i propri bisogni, anche se dovessero essere a scapito degli altri. Jarrett, l’anziano della famiglia, che non ha mai smesso di cercare il nipote scomparso, è il vero emblema della ricchezza e della sfrontataggine. Da un lato è pronto a spendere qualsiasi cifra per scoprire la verità, dall’altra invece vorrebbe che la vita della famiglia rimasse privata. La mossa di far scrivere un libro sulla vicenda sembra essere in contrasto con questo desiderio, ma è la scelta decisa per mettere in moto tutta la storia.

Ci sono alcuni momenti teneri tra i due protagonisti, ma anche scontri e litigate. Il romanzo è ben scritto, anche se il mistero che ci accompagna fino alla fine è ben presto svelato.

Consigliato a: chi vuole indagare sui propri ricordi.

Voto:
Stelle 4

Genere:
Romantico
Titolo: Sulle note del tempo
Autore: Josh Lanyon
Lunghezza: 273 pagine
Edizione: Ebook
Editore: HarperCollins

Goodreads

La guardia, il poeta e l’investigatore – [Jung-Myung Lee]

La guardia, il poeta e l'investigatore

Trama: Nel 1944 la Corea è sotto l’occupazione giapponese, e nella prigione di Fukuoka non si permette ai detenuti coreani di usare la propria lingua. Un uomo, una guardia carceraria, viene trovato brutalmente assassinato, e un giovane collega dall’animo sensibile e letterario viene incaricato di condurre l’indagine e trovare il colpevole. La vittima era temuta e odiata per la sua brutalità, ma quando l’improvvisato investigatore avvia la sua inchiesta interrogando custodi e detenuti, ricostruendo poco a poco i movimenti degli ultimi mesi, un diverso e sorprendente scenario si impone alla sua attenzione. Dall’inchiesta sull’uomo emerge il passato di un povero analfabeta orfano dei genitori, il faticoso riscatto attraverso il lavoro, la carriera nella prigione, la scoperta di una passione inaspettata, il ruolo di «censore» con l’incarico di controllare la corrispondenza in entrata e in uscita dal carcere. E soprattutto il legame con un detenuto particolare, un famoso poeta coreano, autore di scritti sovversivi. E proprio attorno al poeta ruota l’intera vicenda: nel corso dei suoi interrogatori il giovane si trova a parlare sempre di più con il prigioniero e, come prima di lui la guardia assassinata, a immergersi in un dialogo fatto di letteratura, d’arte, di libertà. Si scopre a desiderare la bellezza dei suoi versi clandestini, a subire il potere eccitante e al tempo stesso rasserenante della parola poetica.
Calibrando suspense e ricostruzione storica, dolore e dolcezza, il romanzo dipinge un universo di contrasti: le condizioni dei detenuti obbligati ad abolire il proprio nome, la costante violenza fisica e psicologica alla quale sono sottomessi, il raggio di luce dei poemi del poeta realmente esistito Yun Dong-ju le cui parole diventano merce di contrabbando, balsamo di speranza, sfida provocatoria e coraggiosa alla crudeltà degli esseri umani.

La mia recensione
Una storia triste, che però racchiude un minimo di speranza per il futuro, ci racconta in maniera romanzata la prigionia dei coreani durante la seconda guerra mondiale. Si mescolano insieme tre grandi personaggi, che con il loro carisma catturano la nostra attenzione fin dalle prime pagine.

Il primo che scopriamo è l’investigatore del titolo, un ragazzo giapponese che si ritrova a fare da guardia carceraria. Nelle fredde mura del carcere scoprirà come la crudeltà degli uomini è senza fine. Il suo animo gentile purtroppo sarà più volte messo alla prova dalle terribili vicende a cui dovrà assistere, senza riuscire a trovare il coraggio per ribellarsi.

Il poeta citato anche nel titolo è Yun Dong-ju, realmente esisto, i cui componenti sono sparsi tra le pagine del libro. La sua delicatezza e l’originalità delle sue parole ci colpisce fin da subito. E’ incredibile come in poche righe sia in grado di suscitare dei forti sentimenti. La sua abilità con le parole è la sua dote più forte, cosa che emergerà in più punti del romanzo.

La guardia carceraria è l’ultimo dei personaggi che ritroviamo all’interno della trama. Anche se è presente fin dalle prime pagine, scopriamo qualcosa su di lui solo verso la fine del romanzo. E’ un personaggio ambivalente, che ci mostra un lato del suo carattere per un istante per poi seppellirlo sotto una facciata di crudeltà e spietatezza.

Queste tre persone ci faranno affrontare un dramma sconvolgente, che iniziamo a intuire dopo la seconda parte del libro. E’ bene mettere in chiaro che non ci sarà un lieto fine, visto che già in apertura della storia siamo messi di fronte a una dura realtà. Quando comprendiamo veramente cosa sta per succedere è come ricevere un colpo allo stomaco, quasi facendoci desiderare di poter tornare indietro nel tempo e cambiare il corso della storia.

Consigliato a: per chi ha lo stomaco forte per affrontare le crudeltà del nostro passato.

Voto:
Stelle 4

Genere:
Narrativa
Titolo: La guardia, il poeta e l’investigatore
Autore: Jung-Myung Lee
Lunghezza: 400 pagine
Edizione: Cartaceo
Ebook
Editore: Sellerio

Goodreads

W…W…W… Wednesdays #173

W...W...W... Wednesdays
W…W…W… Wednesdays è stato creato da MizB di ShouldBeReading

What are you currently reading?
Cosa stai leggendo?

Il quarto uomo

What did you recently finish reading?
Cosa hai appena finito di leggere?

La casa del padreAvere un passato oscuro, che si cerca di tenere nascosto alla propria famiglia, non sempre è la mossa giusta. Lo scoprirà a sue spese la protagosnita del libro, che dovrà battersi per non vedersi strappare il suo futuro.

CONSIGLIATO:

Lettura consigliata

Il sangue nero dei RomanovLe leggende sui Romanov hanno sempre il loro fascino, anche se la trama di questo libro è un po’ troppo ingarbugliata. Però immaginare l’atmosfera dell’epoca riesce a regalarci uno scorcio dello stile di vita ultra lussuoso dello Zar e della sua corte.

CONSIGLIATO:

Lettura consigliata

Scopri le letture consigliate Lettura consigliata oppure non all’altezza delle aspettative Lettura non consigliata

What do you think you’ll read next?
Quale sarà la tua prossima lettura?

L'erede del magoIl libro segreto di Sherlock Holmes

Quali sono le vostre ultime letture?

Top 10 – Le varie facce del Medioevo

Il Medioevo è un periodo ricco di credenze popolari e superstizioni, gesti eroici e intrighi di potere. Sia in Europa che in Asia sono comparse figure di spicco, in grado di cambiare la storia, ma anche gente comune con idee rivoluzionarie che getteranno le basi per il Rinascimento.

Se volete scoprire di più su questo periodo storico, non perdetevi questi libri:

Le varie facce del Medioevo

Iniziamo con Quattro sorelle tutte regine di Sherry Jones che ci fa conoscere la vita di quattro donne straordinarie, cresciute tra i profumi della Provenza, che hanno conquistato i troni più ambiti d’Europa.

Si tratta invece di un giallo medievale l’argomento centrale de La rosa del farmacista di Candace Robb, in cui tra intrighi e omicidi scopriremo un uomo pronto a tutto pur di capire la verità.

Tra peste e accuse di stregoneria, la protagonista de L’amante del papa di Mary Novik dovrà affrontare tutte le credenze medievali e riuscire a trovare la sua strada per non soccombere.

Nel regno di Luigi X il Testardo, ambientazione de La regina strangolata di Maurice Druon, scopriamo come una maledizione lanciata dal gran maestro dei Templari possa mettere in pericolo il trono di Francia.

In Asia il dominio di Gengis Khan ha radici profonde e solo scavando nel passato, come succede in Il figlio della steppa di Conn Iggulden, possiamo approfondire di come l’infanzia e le sue difficili prove da superare abbiano temprato questo terribile guerriero.

Per riuscire a superare le malattie di un tempo remoto è necessario studiare, non fermarsi mai di fronte alle apparenze o alle tradizioni secolari e innovare sempre, come succede in Medicus di Noah Gordon.

Barcellona è sempre stata una città in gran fermento, soprattutto per quanto riguarda la storia de La cattedrale del mare di Ildefonso Falcones, che ci permette di scoprire come le diverse etnie abbiano caratterizzato questa città.

Le guerre tra cristiani ed ebrei non conoscono tregua in La signora dell’arte della morte di Ariana Franklin, in cui dovremo affrontare dei delitti tremendi e cercare l’intrigo che si nasconde dietro questi gesti efferati.

Dalle terre remote della Svezia arriva la storia de Il templare di Jan Guillou, in cui un voto fatto per salvare la vita di un bambino ne plasmerà l’esistenza.

L’ultimo re di Bernard Cornwell ci trasporta nelle terre di Merlino, prima della leggenda di re Artù, dove con gran coraggio e determinazione bisogna sfidare tutte le tribù per riuscire ad unificarle sotto un’unica guida.

Il ristorante dell’amore ritrovato – [Ito Ogawa]

Il ristorante dell'amore ritrovato

Trama: Ringo, una ragazza che lavora nelle cucine di un ristorante turco di Tokyo, rientra una sera a casa con l’intenzione di preparare una cena succulenta per il suo fidanzato col quale convive da un po’. Con suo sommo sgomento, però, scopre che l’appartamento è completamente vuoto. Niente televisore, lavatrice, frigorifero, mobili, tende, niente di niente. Spariti persino gli utensili in cucina, il mortaio di epoca Meiji ereditato dalla nonna materna, la casseruola Le Creuset acquistata con la paga del suo primo impiego, il coltello italiano ricevuto in occasione del suo ventesimo compleanno. E, soprattutto, sparito il fidanzato indiano, maître nel ristorante accanto al suo, un ragazzo con la pelle profumata di spezie.
Lo choc di Ringo è tale che resta impietrita al centro della casa desolatamente vuota, la voce che non le esce più dalla bocca. Decide allora di ritornare al villaggio natio, dove non mette più piede da quando, quindicenne, è scappata di casa in un giorno di primavera.
Là, appartata nella quiete dei monti, matura il suo dolore. Una mattina, però, osservando il granaio della casa materna, Ringo ha un’idea singolare per tornare pienamente alla vita: aprire un ristorante per non più di una coppia al giorno, con un menu ad hoc, ritagliato sulla fisionomia e i possibili desideri dei clienti.
Con l’aiuto del valente Kuma-san, l’ex factotum della scuola elementare del villaggio, il cui cuore è stato infranto dalla bella Shiñorita, un’argentina scappata in città, Ringo risistema il granaio. Pareti tinteggiate d’arancio, posate di epoca vittoriana e di epoca Taish e, nel giro di qualche mese, il Lumachino, così la ragazza battezza il ristorante, apre i battenti.
La prima cliente è la Concubina, la triste amante di un influente politico locale, passato a miglior vita diversi anni prima. Sulla tavola, in un tripudio di colori, odori e bontà senza pari, si alternano piatti gustosissimi che attingono alle cucine più famose: giapponese, italiana, cinese e francese su tutte. L’indomani, la Concubina, agghindata di solito a lutto con una lunga veste nera, passeggia con un cappotto rosso fuoco e un magnifico colbacco di pelliccia, e il suo atteggiamento schivo ha lasciato spazio a una marcata allegria. La medesima cosa accade a tutti i clienti del Lumachino: una ragazza riesce a fare innamorare di sé l’ex compagno di classe che l’aveva sempre ignorata, una coppia gay in fuga d’amore tra i monti trasforma il soggiorno in una luna di miele, un uomo burbero e scorbutico diventa un gentiluomo e così via. In breve, la notizia della magia del Lumachino si diffonde in tutto il circondario, e il successo è così garantito, poiché tutti vogliono sedersi alla tavola del ristorante dell’amore ritrovato.

La mia recensione
Il libro che dovrebbe promuovere l’amore del cibo e della cucina che risveglia i cuori, si rivela invece un susseguirsi di ricette ed eventi casuali che la protagonista affronta senza la minima consapevolezza. Nelle prime pagine il libro non è male, ma alla fine si rivela un mezzo disastro.

Partiamo dal ristorante vero e propri, che viene ricavato da un vecchio capanno abbandonato. La protagonista riesce ad arredarlo senza troppi sforzi, rendendolo rustico ma confortevole. Peccato che per la cucina, che dovrebbe occupare un ruolo fondamentale al centro della storia, vengono spese solo poche parole. La preparazione degli ingredienti segue delle tradizioni che non sono propriamente nostre e alcuni dettagli mi hanno fatto un po’ storcere il naso. Far macerare le verdure per esempio, al posto che usarle fresche, non è proprio il massimo del sapore a cui siamo abituati.

La protagonista non parla per buona parte del romanzo, il perché lo scoprirete solo leggendo, ma riesce in qualche modo a esprimersi lo stesso. Il suo silenzio rende alcuni tratti in po’ monotoni, perché quando ci dovrebbe essere un confronto c’è invece un atteggiamento molto passivo. Per quanto la vita della protagonista sia abbastanza movimentata, lei scegli di lasciarsi scorrere addosso gli eventi, senza intervenire per prendere le redini del suo futuro.

Il finale è abbastanza forte e sconclusionato, come se appartenesse a una storia diversa rispetto a quanto abbiamo letto fino a questo momento. Non permette di approfondire meglio cosa passa per la testa alla nostra protagonista, che affronta una rivelazione dietro l’altra senza scomporsi. Sembra addirittura che non abbia imparato nulla dalle vicissitudini che le sono capitate, ma continuerà la sua vita come ha sempre fatto.

Consigliato a: per chi apprezza la cucina esotica.

Voto:
Stelle 3

Genere:
Narrativa
Titolo: Il ristorante dell’amore ritrovato
Autore: Ito Ogawa
Lunghezza: 191 pagine
Edizione: Cartaceo
Editore: Neri Pozza

Goodreads

THIRDS: Nel bene e nel male – [Charlie Cochet]

THIRDS: Nel bene e nel male

Trama: Nel giro di qualche giorno, Dex è stato rapito, torturato, ucciso, è tornato in vita, è divenuto per metà teriano, gli è stato offerto di diventare una spia e ha accettato la proposta di matrimonio del suo ragazzo teriano giaguaro, Sloane Brodie. È molto da accettare e, sebbene stia ancora cercando di capire tutto quello che è successo, sa che deve andare avanti.
Dopo gli eventi di Gioco di specchi, Dex e Sloane si ritrovano in una delle situazioni più spaventose in assoluto: rivelare la verità alla loro famiglia della Destructive Delta. Una volta calmate le acque, nulla sarà più lo stesso, e starà a Dex dimostrare che, nonostante i cambiamenti, la famiglia è l’unica cosa che rimarrà sempre uguale.

La mia recensione
Questo racconto brevissimo, che ci fa solo sperare di leggere qualcosa in più, cerca di gettare un po’ di chiarezza sulla situazione in cui si sono cacciati Dex e Sloane. La loro scelta di affidarsi ai TIN si rivelerà corretta?

Ho trovato che Dex, nonostante ne abbia passate di tutti i colori negli ultimi tempi, sia sempre lo stesso. Determinato a portare giustizia nel mondo, con una fiducia incrollabile nei suoi compagni e in grado di trovare l’aspetto positivo anche delle giornate più buie. Forse non sono molto fiduciosa sul possibile futuro che avrà nei TIN, ma è una scelta che è ben motivata e in linea con il personaggio.

Sloane invece si dimostra come al solito un gran pasticcione. Se da un lato stavolta dimostra il suo appoggio a Dex, senza tentennamento, dall’altro sembra quasi dimenticarsi del suo più grande amico. Le relazioni personali sono ancora il suo punto dolente, perché non capisce mai il momento giusto in cui esporsi e dire esattamente quello che gli sta a cuore.

La Destructive Delta è arrivata a un momento di svolta. Gli indizi erano già presenti nei libri precedenti, ma non eravamo del tutto pronti ad affrontare il cambiamento. Stavolta invece lo scenario del loro possibile futuro si sta delineando quasi del tutto. E’ quasi impossibile immaginare che possano essere divisi, anche se la scelta di Dex e Sloane potrebbe potare a questa conseguenza, perché le loro abilità insieme sono ciò che li rendono inarrestabili.

Il racconto è decisamente troppo breve, con una serie di informazioni e nuovi scenari che non facciamo neanche in tempo ad analizzare. Se l’intento era mantenere alta l’attenzione per la prossima storia dei THIRDS, si può dire che l’autrice ha centrato in pieno l’obiettivo.

Consigliato a: chi vuole sapere qualcosa in più sul futuro della Destructive Delta.

Voto:
Stelle 4

Genere:
Fantasy
Romantico
Titolo: Nel bene e nel male
Autore: Charlie Cochet
Serie: THIRDS [8]
Lunghezza: 113 pagine
Edizione: Ebook
Editore: Triskell

Goodreads

W…W…W… Wednesdays #172

W...W...W... Wednesdays
W…W…W… Wednesdays è stato creato da MizB di ShouldBeReading

What are you currently reading?
Cosa stai leggendo?

La casa del padre

What did you recently finish reading?
Cosa hai appena finito di leggere?

L'incubo di Hill HouseUna casa stregata può influenzare le menti dei suoi abitanti oppure è solo l’immaginazione umana che fa percepire i fantasmi? In questo storia da brividi troviamo tutti gli ingredienti giusti per scoprirlo.

CONSIGLIATO:

Lettura consigliata

Mondi PerdutiVorreste organizzare una spedizione alla ricerca di animali estinti che in realtà sono vivi e vegeti? A quanto pare il protagonista di questo libro possiede soldi e forza di volontà a sufficienza per realizzare un’impresa impossibile.

CONSIGLIATO:

Lettura consigliata

Scopri le letture consigliate Lettura consigliata oppure non all’altezza delle aspettative Lettura non consigliata

What do you think you’ll read next?
Quale sarà la tua prossima lettura?

L'erede del magoIl libro segreto di Sherlock Holmes

Quali sono le vostre ultime letture?

Pagine Future #20 – 2018

Nuove uscite da leggere nei prossimi mesi

La caduta dello Zentir Eredità CaravaggioUna Cenerentola a ManhattanIl nostro gioco crudele

La caduta dello Zentir
La caduta dello Zentir di Adrian R. Rednic
Perchè leggerlo: l’inizio di una nuova saga magica e promettente.
Pubblicato il: 07 Novembre 2018
Genere:FantasyGoodreads
Eredità Caravaggio
Eredità Caravaggio di Alex Connor
Perchè leggerlo: dedicato a una grande pittrice.
Pubblicato il: 08 Novembre 2018
Genere:StoricoGoodreads
Una Cenerentola a Manhattan
Una Cenerentola a Manhattan di Felicia Kingsley
Perchè leggerlo: dedicata all’animo romantico in ognuna di noi.
Pubblicato il: 08 Novembre 2018
Genere:RomanticoGoodreads
Il nostro gioco crudele
Il nostro gioco crudele di Araminta Hall
Perchè leggerlo: l’amore non corrisposto può trasformarsi in ossessione.
Pubblicato il: 08 Novembre 2018
Genere:ThrillerGoodreads

Un piccolo favore – [Darcey Bell]

Un piccolo favore

Trama: Tutto ha inizio con un piccolo favore tra madri. «Puoi passare tu a prendere Nicky?» chiede Emily alla sua migliore amica, Stephanie. E Stephanie, mamma di Miles, è felice di dare una mano, guidata dall’urgenza di essere utile, di sentirsi in qualche modo importante per gli altri. Quel giorno però Emily non torna a prendere suo figlio, e non risponderà alle telefonate, né ai messaggi. Stephanie, preoccupata, smarrita, si avvicina al marito della sua amica, Sean, gli sta accanto e si prende cura di lui e del bambino. E col passare dei giorni si innamora. Poi la notizia. Un corpo è stato ritrovato nelle acque del lago, e la polizia conferma: si tratta di Emily. Suicidio, il caso è chiuso. Ma è davvero così? Presto, Stephanie si renderà conto che niente è come sembra, e dietro l’amicizia, l’amore, o anche la semplicità di un piccolo favore, si nascondono invece una mente subdola e un disegno perverso e diabolico.Un piccolo favore è un thriller psicologico ad alto tasso adrenalinico, ricco di imprevisti e colpi di scena, denso di segreti e rivelazioni, che scivola tra amore e lealtà, morte e vendetta. Qui Darcey Bell ci presenta due figure femminili opposte, eppure per certi versi affini, di cui il lettore capirà presto di non potersi fidare.

La mia recensione
Attenzione a essere una madre premurosa e attenta anche verso i figli degli altri. Come scoprirà la protagonista di questa storia ingarbugliata, spesso confidare i propri segreti a delle presunte amiche non è la strada migliore per trovare supporto e compassione.

Stephanie, la protagonista e narratrice di buona parte del libro, è una donna dalle mille facce. Madre amorevole e premurosa, vedova che rimpiange il marito, ci svela pagina dopo pagina un risvolto inaspettato della sua personalità. Il vero personaggio capolavoro è però Emily. La scopriamo tramite le parole dell’amica e del marito e le due persone descritte non sembrano combaciare più di tanto.

L’intero libro infatti è incentrato su quanto l’immagine degli altri rispecchi veramente la persona che abbiamo di fronte. La narrazione è divisa in capitoli incentrati sul blog scritto da Stephanie, in cui gli eventi riportati sono abbelliti per un pubblico d’internet, e parti invece narrate direttamente dai personaggi coinvolti nella storia. La vera ciliegina della storia sono però i flashback che ci svelano i retroscena per gli avvenimenti più importanti accaduti nel passato.

L’intera storia si svolge nell’arco di alcuni mesi, ma quasi non si avverte il tempo che scorre. Stephanie è un’abile narratrice, che riesce a trasmettere la sua storia suscitando le simpatie di un pubblico diverso ogni volta. Peccato che il suo unico difetto sia la voglia di avere qualcuno con cui confidarsi e questo passo falso le costerà caro. Affidare tutti i propri segreti a una sola persona, che si conosce a mala pena, non è veramente la scelta più saggia, soprattutto quando si ha davvero tanto da nascondere come nel caso di Stephanie.

Nonostante i primi capitoli siano i più lenti, sono l’ideale per introdurre l’adrenalina che si scatenerà con i continui colpi di scena. Il finale, che giunge inaspettato ma non troppo, è in linea con il resto della storia.

Consigliato a: chi si fida ciecamente dei propri vicini.

Voto:
Stelle 3

Genere:
Thriller
Titolo: Un piccolo favore
Autore: Darcey Bell
Lunghezza: 350 pagine
Edizione: Ebook
Cartaceo
Editore: Rizzoli

Goodreads