Dopo – [Koethi Zan]

Dopo

Trama: Dopo la liberazione doveva essere tutto finito. Ma non è stato così. Sono passati dieci anni da quando Sarah è fuggita da quello scantinato, il teatro delle torture fisiche e psicologiche che Jack Derber le ha inferto per oltre mille giorni. Ma per Sarah non esiste ancora un «dopo»: vittima delle proprie fobie, vive rinchiusa nel suo appartamento di Manhattan. Fino a quando l’FBI non la informa che Jack Derber, accusato e imprigionato per rapimento, sta per essere rilasciato. Sarah non può consentirlo, perché lei sa.
Sa che Derber non è soltanto un rapitore. È un assassino. Lo sa perché lei non era da sola, in quello scantinato. Con lei c’erano altre due ragazze, Christine e Tracy, e per i primi mesi di reclusione ce n’era stata anche una terza: Jennifer, la sua migliore amica. E Sarah sa, con certezza, che Jennifer è morta per mano di Derber.
C’è una sola speranza, per tenere Derber in prigione: ritrovare il corpo di Jennifer. Per questo, Sarah deve trovare la forza di riallacciare i contatti con le altre sopravvissute, nonostante l’odio che loro provano per lei e nonostante i segreti che le dividono. Perché quel capitolo della loro vita non si è mai veramente chiuso. Perché quello che succede dopo è ancora più terribile.

La mia recensione
Un thriller abbastanza irrealistico, con una protagonista che supera in un batter d’occhio una fobia lunga dieci anni e si avventura nel mondo esterno con tranquillità. La trama è ricca di colpi di scena, superati con espedienti assurdi e senza logica.

Sarah, la protagonista, ha avuto un’infanzia abbastanza complicata, con un incidente d’auto che le ha segnato in parte il futuro. Insieme alla sua amica del cuore tende a cercare i lati peggiori della società e a immaginare contromisure per riuscire a sopravvivere. Peccato che quando venga rapita da un serial killer, tutte le sue certezze finiranno per crollare. Nonostante sia stata sempre ultra attenta nella vita di tutti i giorni, non è riuscita a evitare questo terribile incontro.

Il libro prende vita dieci anni dopo la sua prigionia, in cui le sopravvissute sono rimaste traumatizzate dagli eventi. In poche pagine e con dialoghi per lo più spenti e monotoni riescono però a riprendersi di colpo e ad analizzare a fondo il comportamento del loro rapitore. Indagano a fondo nel passato, cercando tracce nel presente per riuscire a capire dove la polizia abbia sbagliato nell’inchiesta. Sarah ovviamente assume il ruolo di leader, anche se cerca di schernirsi e di non rimanere troppo in primo piano. Purtroppo però le sue intenzioni cozzano con le sue azioni, che la spingono a rischiare ben oltre i limiti di una persona normale.

Anche le altre ragazze sono completamente diverse da come sono descritte. Ognuna ha superato il trauma a suo modo, non vogliono avere contatti le une con le altre, ma si riuniscono subito per darsi man forte. I poliziotti dovrebbero solo ringraziarle per come hanno rimediato ai loro errori o forse offrire loro un lavoro visto come sono riuscite a condurre un’indagine con pochissimi mezzi.

L’unica nota che riesce a sollevare le sorti del libro è un messaggio dell’editore che, a poche pagine dalla fine, chiede di mantenere il riserbo su quello che succederà nell’ultimo capitolo del libro. E’ un’iniziativa da premiare, che riesce ad aumentare la suspense per un libro altrimenti troppo scontato.

Consigliato a: chi vuole prendersi una rivincita sul proprio passato.

Voto:
Stelle 2

Genere:
Thriller
Titolo: Dopo
Autore: Koethi Zan
Lunghezza: 368 pagine
Edizione: Copertina rigida
Ebook
Editore: Longanesi

Goodreads

Prima della tempesta – [Erin Hunter]

Prima della tempesta

Trama: Da quando è stato nominato vice del Clan del Tuono, CuorediFuoco è sempre più sotto pressione: deve organizzare la vita nel campo e prendersi cura dei compagni, anche di quelli che non rispettano la sua autorità.
I pensieri di CuorediFuoco si fanno più tormentati di giorno in giorno, mentre la foresta è nel pieno della stagione delle foglie verdi e l’aria carica di elettricità. Una tempesta in arrivo o un evento che cambierà il destino di tutti i gatti della foresta?

La mia recensione
Stavolta CuoreDiFuoco è alle prese con qualche novità: una gatta inizia a fargli battere forte il cuore e suo nipote è pronto a cominciare l’apprendistato. In aggiunta, il tradimento di ArtiglioDiTigre ha dato un vello scossone all’intero clan.

La sua posizione di vice fa si che tutti si rivolgano a lui per l’organizzazione delle battute di caccia e delle pattuglie, aggiungendo un nuovo carico di responsabilità sulle sue spalle. Non sfugge però ai suoi incarichi, ma si impegna ogni giorni per riuscire a dimostrare di essere degno della nomina. Riesce a capire di aver bisogno di consigli e, non ricevendoli da StellaBlu, capisce che alcuni gatti del clan sono dalla sua parte. I legami che riesce a formare, anche se sono delle semplici alleanze per il bene della comunità, potranno essergli utili per il futuro. In fondo con la partenza di StrisciaGrigia, CuoreDiFuoco iniziava a diventare troppo solitario e a rimanere perso nei suoi pensieri.

Ammetto di aver odiato in diverse occasioni StellaBlu, per il suo comportamento assente e per gli sbalzi d’umore tremendi. Al posto di essere una guida per il resto dei gatti, si rifugia nella sua tana e si disinteressa della vita comune. Il suo comportamento ovviamente incide sull’umore di tutti, nonostante i tentativi di CuoreDiFuoco di arginare il malumore. La crescita dei nuovi apprendisti, tra cui il nipote del protagonista, è così affidata interamente al resto del clan. C’è da dire che ZampaDiNuvola non è tra i mici che ho apprezzato di più della serie, ma forse potrebbe trarre beneficio dalla presenza di un leader forte e coraggioso che guida il suo clan.

Come al solito abbiamo un finale esplosivo, che potrà avere un impatto tremendo per il proseguimento della serie.

Consigliato a: chi segue sempre le tradizioni.

Voto:
Stelle 4

Genere:
Fantasy
Titolo: Prima della tempesta
Autore: Erin Hunter
Serie: Warrior Cats [4]
Lunghezza: 251 pagine
Edizione: Copertina rigida
Ebook
Editore: Edizioni Sonda

Goodreads

Il mondo del ghiaccio e del fuoco – La Valle

Il mondo del ghiaccio e del fuocoPer quanto possa sembrare piccola, La Valle ha comunque una storia movimentata come tutti gli altri regni. I suoi terreni sono caratterizzati da aspre montagne e valli fertili, nonché uno sbocco sul mare che risulta essere sempre utile. I popoli che la abitano sono quindi variegati tra loro, abituati ad adattarsi a territori diversi e a sfruttare ogni occasione per espandersi.

Mappa della Valle di Arryn I vari lord della Valle però non sono mai stati pacifici gli uni con gli altri. Anche in questo caso abbiamo infatti che le lotte interne per la supremazia si sono susseguite nei secoli e solo i più scaltri sono riusciti a sopravvivere. Non mancano gli episodi eroici e le leggende, quella più suggestiva suggella anche la nascita della casata di Arryn, guidata da un condottiero abile in battaglia e in grado di sopravvivere a uno scontro tremendo.

La casata degli ArrynIl loro dominio si è protratto per secoli nonostante le insidie delle casate rivali. Gli Arryn hanno saputo essere all’altezza delle sfide lanciate sul loro territorio, ma al tempo stesso non sono rimasti immobili a godersi il potere. Hanno iniziato a costruire roccaforti e castelli perché la Valle, nonostante le difese naturali, ha bisogno di ben altre protezioni. Le Porte della Luna ne sono un esempio, con la loro mole imponente possono mettere in soggezione qualsiasi esercito che abbia intenzione di attaccare.

Nido dell'Aquila Allo stesso tempo però hanno anche dedicato la loro attenzione alla costruzione di un castello che li potesse distinguere agli occhi di tutti, in grado di lasciare a bocca aperta le altre casate. Ecco il motivo per cui Nido dell’Aquila è stato concepito così in alto, con una serie di torri in grado di sfidare il cielo. L’accenno che solo un drago potrebbe effettivamente metterlo in pericolo ci fa già immaginare un possibile scontro futuro.

[Continua…]

Le immagini sono tratte da The Iron Throne e La Barrira – Wiki

Il libro delle anime – [Glenn Cooper]

Il libro delle anime

Trama: È un libro, un semplice libro antico.Ma custodisce un segreto.Un segreto che è stato scritto col sangue nel 1297, da innumerevoli scrivani coi capelli rossi e con gli occhi verdi, forse toccati dalla grazia divina, forse messaggeri del diavolo. Che è riapparso nel 1334, in una lettera vergata da un abate ormai troppo anziano per sopportare il peso di quel mistero. Che, nel corso del XVI secolo, ha illuminato la strada di un teologo, i sogni di un visionario e le parole di un genio.È un libro, un semplice libro antico.Ma sta per scatenare l’inferno.Perché quel libro è stato sottratto alla Biblioteca dei Morti, la sconfinata raccolta di volumi in cui è riportata la data di nascita e di morte di tutti gli uomini vissuti dall’VIII secolo in poi. E, dopo essere rimasto sepolto sotto la polvere della Storia per oltre settecento anni, adesso è riemerso ed è diventato un’ossessione per Will Piper, deciso a cancellare il dolore che la Biblioteca ha portato nella sua vita; per Henry Spence, che ha dedicato la sua esistenza alla soluzione dell’enigma e che ormai ha i giorni contati; per Malcolm Frazier, il capo della sicurezza della Biblioteca, determinato a uccidere pur d’impedire al mondo di conoscere la verità. Un’ossessione che inevitabilmente porta altro dolore, altri enigmi, altro sangue.È un libro, un semplice libro antico.Ma è il Libro delle Anime.E il suo segreto è il nostro destino.

La mia recensione
Torniamo alla famosa biblioteca che può predire la data di vita e di morte di ogni persona. Stavolta daremo la caccia insieme a Will Piper a un libro disperso, che potrebbe svelare qualcosa in più su quello che avevano scoperto i monaci del passato.

La trama che ci si presenta appare subito intricata, con la giusta dose di spie e indagini sotterranee a cui Will Piper ci ha abituato nel libro procedente. Il fatto che sia adesso in pensione, che stia cercando di fare il padre a tempo pieno non sono altro che dettagli secondari nella sua vita. Anche se inizialmente è un po’ riluttante a lasciarsi trascinare in una nuova avventura, non può fare a meno che farsi coinvolgere dagli eventi. In fondo il mistero della biblioteca non è stato ancora del tutto svelato e conoscere qualcosa in più rispetto ai custodi americani può mettere Will e la sua famiglia al riparo da altri attacchi.

I rischi che corre il protagonista non sono così elevati come nel primo libro, anche se in un paio di occasioni si ritroverà a infrangere la legge per salvarsi. Gli agenti americani mandati sulle sue tracce sembrano essere spietati, ma non del tutto intelligenti. Basano tutto sulla loro conoscenza della biblioteca e sulla predizione degli eventi futuri, senza chiedersi se il loro intervento abbia effettivamente scatenato una catastrofe dopo l’altra. Troppa conoscenza nelle mani di pochi sta causando dei danni incredibili e Will Piper è l’unico in grado di capirlo.

La narrazione si arricchisce anche di qualche frammento del passato. Non si tratta di scene dirette dei giovani dai capelli rossi, ma di una serie di eventi a loro collegati. Scopriamo così qualche dettaglio in più sulla biblioteca del passato, che però ci permette di comprendere meglio la reale conoscenza che racchiude. Il libro si chiude con una nuova sfida, che potremo cogliere solo nell’ultimo volume della serie.

Consigliato a: chi vuole scoprire i misteri del passato racchiusi in una vecchia casa.

Voto:
Stelle 3

Genere:
mistero
Titolo: Il libro delle anime
Autore: Glenn Cooper
Serie: Will Piper [2]
Lunghezza: 421 pagine
Edizione: Copertina rigida
Copertina flessibile
Ebook
Editore: Nord

Goodreads

La regola dell’ex – [River Jaymes]

La regola dell'ex

Trama: Memphis Haines, stuntman e sopravvissuto due volte al cancro, eccelle nel cavarsela sempre. Quando gli si presenta la possibilità di aiutare il suo ex-fidanzato con un evento di beneficenza, coglie al volo l’occasione per tentare di farsi perdonare, visto il modo in cui ha lasciato Tyler dieci anni prima. E l’atteggiamento freddo del Dr. Tyler Hall è una sfida a cui Memphis non può resistere: deve riuscire a sciogliere la compostezza di quell’uomo.

Tyler Hall si è dato una regola semplice: non rimettersi più con i propri ex fidanzati. Basta. Di certo non è interessato a ricucire i rapporti con Memphis Haines, il suo ex che salta dagli edifici, schiva le esplosioni, e posa per una pubblicità di biancheria intima firmata. Dieci anni prima, innamorarsi di lui gli ha cambiato la vita. E quando Memphis l’ha lasciato da un momento all’altro, il mondo di Tyler è finito sottosopra. Memphis, però, sembra determinato a rivangare il passato. E il suo sorriso sciogli-mutande, il suo corpo solido e il suo fascino stanno riportando in superficie ricordi eccitanti che è meglio non ricordare, e che rendono sempre più difficile l’intento di Tyler di mantenere fede alla promessa che ha fatto a se stesso.

La mia recensione
Questa serie mi ha sorpreso per come riesce a trasformare i personaggi. Il protagonista stavolta è Tyler, che nel libro precedente era alquanto odioso, ma che diventa un uomo adorabile.

Sembrava essere molto sicuro di sé, rigido e imparziale, in grado di affrontare una rottura di un rapporto senza problemi. Invece scopriamo che ha avuto un passato travagliato, in cui il suo cuore è stato spezzato così profondamente che adesso non si sente pronto a rimettersi in gioco.

Memphis al contrario è semplicemente stupido ed egocentrico. Ammetto di averlo odiato fin da subito, perché riesce ad avere un ego smisurato e vuole tutti alle sue dipendenze. Deve essere sempre al centro dell’attenzione e non ammette di essere messo da parte. I suoi desideri devono realizzarsi e non si abbassa a pregare e a ricattare la gente pur di ottenere quello che vuole.

Il primo incontro tra i due diventa subito l’occasione per iniziare un’opera di seduzione, da parte di Memphis, e la ricerca del proprio autocontrollo, da parte di Tyler. Ovviamente sarà un percorso abbastanza difficile che li porterà a parlare finalmente del loro passato e di ciò che li ha fatti soffrire. Memphis è decisamente quello che ha più necessità di spiegare il proprio comportamento, ma dovremo aspettare diverse pagine prima di scoprire i suoi pensieri. Anche in questo caso però non mi posso dire soddisfatta, perché le motivazioni usate da Memphis sembrano abbastanza insignificanti. Chiunque avrebbe tutto il diritto di arrabbiarsi una volta scoperto cosa ha spinto il ragazzo a comportarsi così, ma ovviamente non Tyler. Il protagonista infatti dimostra una pazienza incredibile, a volte decisamente troppa, se si considera quello che ha passato. Però non possiamo fare a meno di notare che, grazie al suo carattere, avremo sicuramente un lieto fine a portata di mano.

Consigliato a: chi crede sempre nelle seconde occasioni.

Voto: Stelle 3

Genere:
Romantico
Titolo: La regola dell’ex
Autore: River Jaymes
Serie: The Boyfriend Chronicles [2]
Lunghezza: 304 pagine
Edizione: Ebook
Editore: Triskell Edizioni

Goodreads

Scomparsi – [Caroline Eriksson]

Scomparsi

Trama: Il marito e la figlia sono svaniti nel nulla.
Ma lei non è sposata e non ha mai avuto figli…
Nessuno mente.
Nessuno dice la verità.
Tutti hanno dei segreti.

Intorno a lei c’è solo silenzio. Greta si sveglia e si rende conto che Alex e Smilla non sono ancora tornati. Erano scesi dalla barca per fare una passeggiata sull’isola che si erge in mezzo al lago Maran, mentre lei era rimasta a bordo a riposare. Ormai però il sole sta sparendo dietro gli alberi, disegnando lingue color sangue nel cielo, l’acqua è fredda e immobile come pietra e Greta non sente né la voce rassicurante di Alex né la risata argentina di Smilla. Scende a terra per cercarli ma, poco dopo, capisce che non sono più su quell’isoletta. Sono svaniti nel nulla. Greta allora torna indietro, nella casa in riva al lago dove stanno trascorrendo qualche giorno di vacanza. Niente neanche lì. E al cellulare di Alex scatta inesorabile la segreteria telefonica. A Greta non rimane quindi che rassegnarsi, raccogliere tutto il suo coraggio e andare alla polizia per denunciare la scomparsa del marito e della figlia. Alla piccola centrale del paesino più vicino, l’accoglie una giovane agente. L’ascolta, fa qualche verifica al computer. E le annuncia che lei non è sposata e che non ha mai avuto figli…
Chi sono allora Alex e Smilla? Perché sono scomparsi? E cosa nasconde Greta? Qual è la sua storia? Sta mentendo o è proprio lei l’unica a dire la verità?

La mia recensione
Questo libro ha una narrazione molto complicata rispetto alla trama che, una volta svelata, risulta semplice. La protagonista, che è anche la narratrice, riesce a trasmetterti un senso d’inquietudine incredibile.

Greta è una ragazza che ci appare tranquilla, con un marito e una figlia che si godono una vacanza insieme. Peccato che con il passare dei capitoli scopriamo che ha alle spalle un passato turbolento, in cui non è ben chiaro cosa sia successo. Greta infatti è una narratrice tremenda, che nasconde le informazioni e le rivela parziali dopo molto tempo, senza lasciarci un attimo di respiro.

E’ solo grazie alla sua memoria ballerina, che ci lascia dei vuoti nella trama, che ci sentiamo trascinati in un mistero strano e ingarbugliato. La sua relazione con Alex non è salutare, anche se inizialmente ci viene dipinta come tale. La realtà è ben più cupa di come appare e il viaggio intrapreso da Greta forse serve proprio a farle aprire gli occhi su ciò che prova.

Gli altri personaggi che gravitano attorno a lei non fanno altro che rafforzare la nostra opinione sulla situazione poco chiara. La protagonista è stata imbrogliata, sta correndo un grosso pericolo e ci sono forze che tramano nell’ombra pronte a minacciarla. Ma non possiamo esserne sicuri, perché tutto è filtrato attraverso gli occhi paranoici di Greta. Lei più volte ammette di non essere del tutto sana di mente, che alcuni ricordi le “sfuggano”. E noi non possiamo fare a meno di preoccuparci che nei vuoti di memoria della protagonista si possano nascondere delle azioni tragiche e violente. Oppure Greta sta giocando con le nostra mente e in realtà è lei la sola vittima?

Consigliato a: chi non ha paura di perdersi nei ricordi.

Voto:
Stelle 3

Genere:
Mistero
Titolo: Scomparsi
Autore: Caroline Eriksson
Lunghezza: 191 pagine
Edizione: Copertina rigida
Ebook
Editore: Nord

Goodreads

Dark Heaven: La carezza dell’angelo – [Bianca Leoni Capello]

Dark Heaven: La carezza dell'angelo

Trama: Venezia, oggi. Virginia ha diciotto anni e un solo problema: l’esame di maturità che la aspetta a fine anno. Almeno fino al giorno in cui a scuola arriva un nuovo professore, Damien de Silva. Dannatamente bello, giovane e pericoloso, Damien turba fin dal primo istante Virginia. Attratta e al tempo stesso spaventata, la ragazza tenta di stargli il più lontano possibile. Ma ogni volta che si trova in sua presenza accade qualcosa di inspiegabile: strane visioni le annebbiano la mente. Visioni di un tempo passato, di una Palermo medievale ormai dimenticata. È come se lei e Damien si fossero amati in un’altra vita e si fossero rincorsi per molti secoli. Ma è davvero così o Virginia sta perdendo la ragione? E chi è davvero Damien?

La mia recensione
Se credete agli angeli e alla re-incarnazione, allora avete trovato il libro giusto. In una Venezia moderna si stanno per scontrare delle anime antiche, che covano odio e vendetta da molto tempo.

Sinceramente mi aspettavo una storia più avvincente perché, dalle premesse dei primi capitoli, un po’ si intuisce come si evolverà la trama. Virginia è la classica ragazza perbene, che vive spensierata la sua vita divisa tra amiche e fidanzato ricco. Ovviamente l’incontro con Damien la porterà a riflettere su ciò che vuole realmente dall’amore e sul significato di fiducia. Non aspettatevi una grande eroina coraggiosa, ma piuttosto una ragazza che tenta di capire il suo posto nel mondo.

Damien invece dovrebbe essere più esperto nel capire i sentimenti, invece si lascia trasportare dall’odio e dal rancore. E’ rimasto ancorato al passato, ai torti che ha subito e non riesce ad affrontare al presente. Rimane però il personaggio più affascinante del libro, per le evoluzioni che subisce. Inizialmente, infatti, il suo tormento interiore lo fa apparire come una persona perfida e priva di compassione, pronto a tutto pur di distruggere i suoi nemici. Peccato che però noi riusciamo a intravedere attraverso il suo muro di indifferenza una briciola di dubbio, instillata dalla vicinanza con Virginia.

L’aspetto sovrannaturale non è predominante nel libro, che si concentra invece sulle vicende amorose. Anche tutta la faccenda della re-incarnazione non è spiegata per filo e per segno, ma è mostrata attraverso una serie di flashback del passato. E’ una scelta che se da un lato ci lascia un po’ di mistero con il passare dei capitoli, si dimostra però vincente nella struttura generale del romanzo. Le scene ambientate nel passato ci mostrano il punto di vista di Virginia, e della sua antenata, che fanno da contraltare a quello che pensa Damien.

E’ un buon inizio per una saga, anche se con un finale concitato che serve per attirare l’attenzione verso il secondo volume.

Consigliato a: chi apprezza le storie d’amore che partono da un malinteso.

Voto:
Stelle 3

Genere:
Fantasy
Titolo: Dark Heaven: La carezza dell’angelo
Autore: Bianca Leoni Capello
Serie: Dark Heaven [1]
Lunghezza: 292 pagine
Edizione: Copertina rigida
Ebook
Editore: Sperling & Kupfer

Goodreads

Hollow City: Il ritorno dei bambini speciali di Miss Peregrine – [Ransom Riggs]

Hollow City: Il ritorno dei bambini speciali di Miss Peregrine

Trama: Chi è Jacob Portman? Un ragazzo qualunque finito dentro un’avventura più grande di lui, o un predestinato, uno Speciale dai poteri prodigiosi, abilissimo investigatore dell’ombra e cacciatore di mostri terrificanti? Nessuno lo sa. L’unica cosa certa è che sembrano trascorsi secoli dal giorno in cui la misteriosa morte del nonno lo ha spinto a indagare sul suo passato, catapultandolo sull’isoletta di Cairnholm, al largo delle coste gallesi. È qui che si imbatte nella bizzarra e affascinante combriccola dei Bambini Speciali: creature dotate di poteri curiosi e irripetibili, membri superstiti di una stirpe meravigliosa, obbligati, per sfuggire alla persecuzione di un mondo ottusamente Normale, ad affidarsi alle inflessibili cure di Miss Peregrine, la donna-uccello in grado di manipolare il tempo. Ma ora che Miss Peregrine è ferita e non riesce a ritrovare le proprie sembianze umane, i Bambini Speciali e Jacob saranno costretti a vedersela da soli con coloro che minacciano di distruggerli usurpando la loro stranezza e dovranno abbandonare l’eterno presente in cui hanno vissuto per avventurarsi nel mondo reale.

La mia recensione
Jacob deve essere pronto a diventare un eroe come suo nonno, perché i ragazzi Speciali si trovano in un mare di guai. Con la guerra che infuria, sono costretti a compiere un viaggio pericoloso per riuscire a salvarsi.

Per quanto ognuno di loro abbia dei poteri incredibili, si trovano impreparati ad affrontare la guerra e la gente al di fuori del loro Anello. Anche se dovrebbero essere più vecchi di quello che appaiono, in realtà nonostante gli anni passati non sono riusciti a crescere. Sono sempre dei ragazzini spaventati, che si trovano privati dell’unica persona che li ha sempre protetti. Sanno che i pericoli che li aspettano sono tanti e ignoti, ma la guerra che si trovano di fronte è in realtà uno scenario tremendo. Fino a un momento prima per loro non era niente altro che una conoscenza remota, che non li avrebbe mai sfiorati.

Anche Jacob sa che Londra e l’intera Inghilterra non è un luogo sicuro, visto i tempi che corrono. Ma al momento si trova incastrato nel passato e non riesce ad abbandonare i suoi nuovi amici, anche se non brilla certo di coraggio. Ebbene sì, il nostro protagonista si troverà più volte a pentirsi della sua scelta di rimanere con gli Speciali. In fondo però si riesce ad apprezzare di più questo ragazzino, perché chiunque nella sua posizione si comporrebbe nello stesso modo.

I suoi sentimenti per Emma sono sempre presenti, anche se per questo è preso in giro. Però Jacob non rinnega mai il suo cuore, anche se a volte si trova in difficoltà per il comportamento della ragazza. Emma vuole a tutti i costi mantenere la facciata di “capo”, in grado di affrontare qualsiasi situazione di pericolo. Ma stavolta la prova che deve superare è più difficile di quanto lei immagini.

L’avventura è ancora una volta ben descritta, con la giusta dose di poteri che non stravolge troppo le vicende. Scopriamo anche qualcosa in più sui Vacui e sulla loro minaccia che sembra incombere sul mondo intero. Il ritmo riesce a trascinarsi per i vari capitoli, seguendo Jacob e facendo il tifo per lui, sperando che capisca quanto può essere importante gli altri.

Consigliato a: chi non ha paura se ha al suo fianco i suoi amici.

Voto:
Stelle 4

Genere:
Fantasy
Titolo: Hollow City: Il ritorno dei bambini speciali di Miss Peregrine
Autore: Ransom Riggs
Serie: La casa per bambini speciali di Miss Peregrine [2]
Lunghezza: 426 pagine
Edizione: Copertina rigida
Ebook
Editore: Rizzoli

Goodreads

Montedidio – [Erri De Luca]

Montedidio

Trama: “Chi salirà nel monte di Dio? Chi ha le mani innocenti e il cuore puro.” Un quartiere di vicoli a Napoli: Montedidio. Un ragazzo di tredici anni va a bottega da Mast’Errico, il falegname. È l’inizio della sua vita nuova, la vita che a sera, a casa, in una casa vuota per l’assenza del padre e per la malattia della madre, il ragazzo va scrivendo su una bobina di carta avuta in regalo dal tipografo di Montedidio. Ha anche un altro regalo, che porta sempre con sé, un “bùmeran”, un legno nato per volare che il padre ebbe a sua volta da un marinaio di passaggio. Così passano i giorni: Mast’Errico gli insegna il mestiere e Don Rafaniello, uno scarparo che Mast’Errico tiene ospite a bottega, gli insegna a pensare sugli uomini e sulle cose.

La mia recensione
Una storia veloce di grande impatto, che ci porta nei vicoli di Napoli per assistere alla maturazione di un ragazzino di tredici anni, catapultato nel mondo dei grandi. Tra l’imparare il primo mestiere e la scoperta dell’amore, il protagonista dimostrerà la vita di quartiere.

Il primo impatto che abbiamo è che il giovane sia un grande lavoratore, pronto a seguire gli ordini del suo maestro di bottega per dimostrare la sua utilità in casa. Il suo rapporto con i genitori è abbastanza strano: lo trattano come un ometto, l’unico della famiglia che ha imparato l’italiano e che forse potrà avere una vita migliore. Il protagonista invece si trova a suo agio a Montedidio, tra i suoi vicoli e la sua gente e non cambierebbe la sua posizione.

Nella sua stessa bottega incontra però un personaggio molto importante per la sua crescita interiore. Don Rafaniello è chi gli insegna a capire la gente. Con i suoi gesti di altruismo e gentili, è sempre disposto ad ascoltare tutti e riesce a capire ciò che non è espresso a parole. Insegna al protagonista a sognare, a credere in qualcosa oltre alla realtà misera che lo circonda. La sua presenza è rassicurante e infonde una dose di coraggio e fiducia al ragazzo.

La situazione familiare tende a precipitare in poco tempo, ma a fianco del protagonista comparirà una ragazzina che gli insegnerà cosa vuol dire l’amore. Maria è una sua coetanea, che però ha sofferto molto a causa dei debiti dei suoi genitori. Lei riconoscerà nel protagonista una sorta di protettore, in grado di salvarla dal padrone di casa. Formeranno una specie di famiglia, andando a vivere insieme a casa del ragazzo, nonostante il parere contrario dei pochi adulti ancora presenti nella loro vita.

La storia del protagonista evolve e s’intreccia con quella degli altri personaggi fino alla notte di Capodanno, quando assisteremo a un turbinio di eventi che gli cambieranno per sempre la vita.

Consigliato a: chi vuole scoprire uno scorcio di Napoli.

Voto:
Stelle 4

Genere:
Scrittori moderni
Titolo: Montedidio
Autore: Erri De Luca
Lunghezza: 144 pagine
Edizione: Copertina flessibile
Editore: Feltrinelli

Goodreads

Il mondo del ghiaccio e del fuoco – Le Terre dei Fiumi

Il mondo del ghiaccio e del fuocoCome secondo regno da scoprire, veniamo trasportati nelle Terre dei Fiumi.

Mappa delle terre dei fiumi Anche in queste zone le guerre e gli scontri non sono mancati. Sembra che per la posizione e per le ottime terre fertili e semplici da coltivare. Peccato che però per la gente del posto sia estremamente difficile riuscire a trovare un periodo di pace abbastanza lungo. Infatti le guerre interne, caratterizzate per lo più da sete di potere e desiderio di espandere i propri domini. I vari lord non riescono così a comprendere che il vero pericolo non deriva dai propri vicini, ma dalle genti esterne.

Le invasioni nelle Terre dei Fiumi sono continue, al punto che si arriverà anche ad avere un re straniero che dominerà per oltre un secolo con il pugno di ferro. Neanche in questo caso però si riuscirà a trovare una certa unione duratura, ma ognuno penserà al suo tornaconto personale.

Delta delle acque Stupisce come le casate più famose nelle Cronache rimangano in realtà in disparte per la maggior parte del tempo. I Tully per esempio compaiono dopo secoli di guerre e scaramucce. Sono una casata poco importante, la cui unica fortuna è rappresentata da Delta delle Acque. L’ingegnosità di questo castello è dovuta all’ambiente che lo circonda: un fossato naturale, che può isolare del tutto dagli assedianti. Anche in questo caso immaginare un assedio è difficile, perché i costruttori hanno saputo sfruttare a fondo la natura.

La casata FreyPeggio dei Tully sono i Frey, che sono come dei fantasmi. Di loro viene citato il loro castello, le Torri Gemelle, che vanta una posizione invidiabile. Non partecipano a nessuna impresa degna di nota e non si mettono in mostra con condottieri invincibili. Sono praticamente dei fantasmi, che purtroppo diventeranno tristemente famosi all’interno delle Cronache. Possiamo quindi capire come la voglia di rivalsa sia cresciuta nei secoli, visto che sono rimasti sempre ai margini dei grandi avvenimenti, come degli spettatori.

In fondo tutti i lord delle Terre dei Fiumi non brillano certo per lungimiranza e per coraggio, pensando più che altro al loro tornaconto personale. Per quanto florida sia la terra, non possiamo quindi dire che abbia permesso a dei veri eroi di “fiorire” al suo interno.

[Continua…]

Le immagini sono tratte da GOT Wallpapers e Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco – Wiki e Romanticamente fantasy